La Scandone chiude bene il 2015, arriva il successo

0
135

 

La Sidigas ritrova il sorriso in terra siciliana. Contro la Betaland Capo d’Orlando i lupi vincono imponendosi con il punteggio di 55-73.
La Sidigas ritrova il sorriso in terra siciliana. Contro la Betaland Capo d’Orlando i lupi vincono imponendosi con il punteggio di 55-73. Nunnally top scorer con 22 punti a referto.
Apre le danze Bowers per Capo d’Orlando, gli risponde Nunnally da tre punti. Avellino viene punita da Bowers e Perl (8-3), Sacripanti chiama time out. Dopo la sospensione i lupi vanno a segno con Acker, ma Perl continua a trovare la via del canestro. Cervi e Nunnally riportano Avellino in scia, 10-9 mentre Ragland sigla i punti del 12-12. Perl allunga, mentre Stojanovic stoppa Buva lanciato a canestro. Laquintana sulla sirena segna il 16-12.
Si apre il secondo quarto e Stojanovic fa salire il vantaggio della Betaland a +6. Nunnally e Ragland conquistano cinque punti e portano Avellino a -1 (20-19). Si gioca sul filo dei possessi, poi Metreveli mette tre punti tra Capo d’Orlando e la Scandone a 5’ dal termine del quarto. La gara si infiamma: Ragland e Basile, 28-28. Buva riporta i lupi in vantaggio con due liberi. Laquintana colpisce di nuovo e si va negli spogliatoi sul 32-32.
Il duo Buva – Nunnally porta i biancoverdi a +6 (34-40). Capo d’Orlando non ci sta, e dopo il time out, ci pensano Oriakhi e Bowers a diminuire il distacco. Stojanovic da tre segna il pari, dopo l’uno su due dai liberi di Ragland: 41-41. Le due squadre attaccano in maniera confusa, ci pensa Veikalas dalla lunetta. Si va all’ultimo riposo sul 46-47 per Avellino.
Green segna sul filo dei 24’’, Oriakhi capitalizza il gioco da tre punti e si torna in parità 49-49. Bomba da tre, due su due ai liberi, tutto targato Nunnally. Lupi a +5 (49-54). Ragland colpisce dalla lunga distanza, break di 0-8. Cervi piazza altri quattro punti, 49-61. Capo d’Orlando va in affanno e Ragland piazza un’altra bomba, 0-15 di parziale per i lupi. Sono sette i minuti di digiuno per i siciliani interrotti da Laquintana. Avellino gestisce il vantaggio ma senza concedersi pause: finisce il match al PalaFantozzi 55-73.