Eolico, il Comitato “Voria” non si fida: vigileremo sul nostro territorio

0
144

 

Il Comitato V.O.R.I.A. ha dato notizia che il Consiglio dei Ministri nella seduta n. 118 del 31.05.2016 aveva deliberato l’impugnativa della Legge Regionale n.6 del 05.04.2016 contenente tra gli altri il provvedimento c.d. “di moratoria all’autorizzazione di parchi eolici”, lo scarno comunicato stampa pubblicato sul sito governo.it, non forniva molti dettagli ragion per cui ci riservavamo, nel comunicare tale provvedimento, di valutarlo appena in possesso della Delibera del C.d.M. Il comunicato stampa del C.d.M. è prestato interpretato anche come volontà di bloccare la “moratoria” a ciò a causa del testo che faceva riferimento a principi che: “contrastano con i principi fondamentali della legislazione statale in materia di governo del territorio” e “riguardante la tutela dell’ambiente”.
Con la pubblicazione della Delibera del C.d.M. apprendiamo che l’impugnativa fa riferimento ai seguenti articoli:
– Art. 8 della LR in oggetto: recante "Misure in materia di piano casa", apporta modifiche alla L.R. 28 dicembre 2009, n. 19 "Misure urgenti per il rilancio economico, per la riqualificazione del patrimonio esistente, per la prevenzione del rischio sismico e per la semplificazione amministrativa.
– Art. 17 commi 3, 4, 5 e 6 LR in oggetto: norme per lo sviluppo del turismo balneare.
– Art. 19, comma 10 LR in oggetto: la norma autorizza, nei limiti delle disponibilità di bilancio, il finanziamento aggiuntivo pari a euro 300.000,00 in favore della Città metropolitana di Napoli per l’intervento
– Art. 21, lett. d) LR in oggetto rubricato "Contrasto al lavoro irregolare nel settore edile"
– Art. 22, comma 4 LR in oggetto che prevede che "La regione Campania, ferme restando la prerogative spettanti all’organo commissariale per il piano di rientro della spesa sanitaria, assume le opportune azioni per l’incremento delle strutture accreditate
Con la delibera il C.d.M.: “propone l’impugnativa della legge in esame dinanzi alla Corte Costituzionale, ai sensi dell’articolo 127 della Costituzione”
Fin qui il testo della delibera.
Non vi è, nel testo, una specifica impugnativa dell’art. 15 (Misure in materia di impianti eolici e di produzione energetica con utilizzo di biomasse) della L.R. 6/2016.
Non siamo certi tranquilli. Del termine di 180 giorni, previsto dall’art. 15 L.R. 6/2016, per individuare i “criteri e sono individuate le aree non idonee alla realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte eolica di potenza superiore a 20 Kw”, 70 giorni sono trascorsi senza che alcun attività sia stata posta in essere.
Noi continuiamo a difendere il nostro territorio.
“Crediamo in un modo nuovo di governare ambiente e istituzioni”.
il presidente
Vito Nicola Cicchetti