Irpinia Streat Mood, il territorio e la sua identità

0
851

Una formula ormai consolidata. E’ quella di Irpinia StreEat Mood, di scena al Corso Vittorio Emanuele ad Avellino, dal 30 giugno al 2 luglio. Per tre giorni protagonista sarà l’Irpinia legata ai prodotti della terra, al viaggiare slow, alla conoscenza lenta e profonda dei luoghi. Senza dimenticare l’Irpinia del lavoro, quello delle imprese che costruiscono il mood giusto dello sviluppo locale, la creatività che si nutre di biodiversità. Tantissime le specialità che sarà possibile degustare nel corso delle giornate, cucinate da più di 40 chef in otto punti food ogni sera. Un viaggio nel segno dell’identità che sceglie di ripartire dalle zolle della biodiversità, come le città invisibili di Calvino, che raccontano un’Irpinia esistente ma anche immaginaria suddivise per riferimenti comuni dai quali prendono il nome. Virginia, Termosia, Bufetia, Irna e Daunia. Ma si parlerà anche di turismo sostenibile con un premio dedicato al compianto Agostino Della Gatta, padre del portale “Irpinia Turismo” ed animatore di tante iniziative legate al territorio. Protagoniste anche musica e cultura, con le iniziative messe in campo dal direttore artistico Felice Caputo. Tante le esibizioni, gli spettacoli, tra note e fornelli, i workshop ed i momenti di dibattito che, assieme ad esperti e rappresentanti istituzionali saranno l’occasione per interrogars sulla tutela gastronomica locale e sullo sviluppo del territorio. Sarà premiata una best practice del turismo in Irpinia, selezionata da la giuria di esperti composta da Elena Dell’Agnese, Marco Pecoraro Scanio e Giulio Nicolais.Da sottolineare anche le collaborazioni con “Sponz Fest”, “Castellarte” e “l’Ariano Folk Fest”, nel segno della “contaminazione” culturale e della volontà di costruire una rete per lavorare insieme.
Saranno, poi, gi studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli, a raccontare a modo proprio il territorio attraverso mostre ed installazioni. Tra le novità la presenza del ristorante di Barcellona dell’avellinese Pietro Leonetti nipote degli ex proprietari del Bar Diana, che riproporrà nella sua città Natale oltre al menù del Mandarosso anche la famosissima panna. Ritorna anche dopo 15 anni della 24 ore di basket (Irpinia Street Basket – 24 h le cui iscrizioni scadranno giovedì 29 giugno alle ore 24