Storia, memoria e territorio, a Palazzo Macchiarelli omaggio al regista De Felice

1
1927

Raccontare il rapporto tra l’Irpinia e la storia del cinema italiano, omaggiare un figlio di Montoro, il regista Lionello De Felice che ha diretto il grande Totò:  questi gli obiettivi della giornata di studi “Il Cinema in Irpinia – Storia, memoria, territorio”, promossa dal progetto “Itinera – Itinerari per l’innovazione sociale”, con il supporto della Fondazione con il Sud, nell’ambito della programmazione di Palazzo Macchiarelli, lo storico palazzo di Montoro, in provincia di Avellino, di recente restituito alla comunità territoriale. Martedì 4 luglio 2017, ore 16,30, si incontreranno a Palazzo Macchiarelli studiosi ed esperti che approfondiranno, dal punto di vista storico, culturale, estetico, sociale, il rapporto tra territorio e industria cinematografica. Sono previste, oltre agli interventi di apertura del Sindaco di Montoro, Mario Bianchino e di Speranza Marangelo, responsabile del progetto ITINERA, le relazioni di Diego Del Pozzo (Accademia di Belle Arti, Il Mattino), Alberto Castellano (saggista e critico cinematografico), Paolo Speranza (Direttore di Cinema Sud), Antonio Spagnuolo (Direttore artistico del Laceno d’oro). Il direttore della Film Commission della Regione Campania, Maurizio Gemma, interloquirà con i presenti e con gli assessori alla cultura e alle attività produttive del Comune di Montoro, sulle potenzialità delle produzioni audiovisive ai fini dello sviluppo locale. La giornata di studi al Palazzo Macchiarelli, che si è avvalsa della collaborazione tecnica di esperti dell’associazione Blackout, circolo del cinema, e della rivista “Cinema sud”, si concluderà con un omaggio a Lionello De Felice, regista originario di Montoro, uno dei tanti artigiani che hanno fatto grande il cinema italiano: è prevista infatti la proiezione serale del film “I tre ladri” (1954), con Totò, Gino Bramieri, Giovanna Ralli. La proiezione sarà anche l’occasione per un omaggio dell’Irpinia a Totó, a 50 anni dalla scomparsa del Principe De Curtis, diretto da De Felice in un film poco conosciuto ma tra i suoi più raffinati.

1 COMMENT

  1. ISABELLA MORRA, POETESSA DEL 500, SIGNORA DI FAVALE, ATTUALE VALSINNI,Basilicata
    ancor oggi cantata ai viandanti e visitatori da ogni dove.
    Amata nemica di suo padre.

    carmen silletti
    favale 1520 1545-46