Ancora paura in Irpinia, roghi tra Montella e Bagnoli

0
1067
Una immagine da un video dei Vigili del Fuoco riguardante l'emergenza maltempo a Crotone, 25 gennaio 2017. E' scongiurato il rischio di evacuazioni per lo stato del fiume Esaro che stamani aveva raggiunto i livelli di guardia. ANSA / US VIGILI DEL FUOCO +++ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING+++

Paura ieri nell’Alta Valle del Calore per una lunga serie di incendi che hanno coinvolto contrade e località di ben tre comuni. Secondo le prime indiscrezioni, tutti dovrebbero avere una matrice dolosa. Il primo episodio in mattinata nei pressi di Cassano Irpino, con le fiamme ben visibili anche dal tratto dell’Ofantina Bis che passa proprio a ridosso del centro altirpino, subito domate dai caschi rossi. Ma i Vigili del Fuoco, quasi contemporaneamente, sono dovuti intervenire per unaltro in
cendio appiccato in due punti diversi e ben più consistente, che ha colpito le località San Vito di Montella e Cerrete, quest’ultima a ridosso del confine territoriale con Bagnoli Irpino. Intorno alle ore 10 infatti, alcuni cittadini hanno dato l’allarme, chiamando sia gli agenti della Polizia Locale del paese che i caschi rossi di stanza a Montella. Due ore di lavoro ci sono volute per domare le fiamme, che hanno letteralmente divorato circa un ettaro di terreni incolti, alcuni non molto lontani dalle case, per fortuna disabitate.