Montoro, incendiò l’auto del sindaco: c’è il riesame

0
2283
I carabinieri all'esterno del club Fiore di Giffoni a Campigliano, frazione di Giffoni Valle Piana (Salerno), dove è avvenuto l'omicidio-suicidio, 01 febbraio 2015. ANSA/ FRANCESCA BLASI

Il Tribunale del Riesame di Napoli dovrà decidere oggi sull’istanza di revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti dell’uomo accusato di aver dato allefiamme nell’aprile scorso la vettura del primo cittadino di Montoro, Mario Bianchino. Il legale del trentenne,scoperto daimilitari della Compagnia di Baiano grazieai videodella zona, la penalista Giovanna Perna ha chiesto infatti l’annullamento del provvedimento firmato dal Gip del Tribunale di Avellino Vincenzo Landolfi. Tra l’altro lo stesso indagato ha già reso piena confessione circa i fatti avvenuti, prima durante l’interrogatorio reso davanti ai Carabinieri e successivamente anche nel corso dell’interrogatorio di garanzia davanti allo stesso Gip. Lo stesso avrebbe anche spiegato di come l’azione intimidatoria ai danni del sindaco di Montoro derivasse dalla mancata assistenza che Bianchino gli avrebbe garantito, sia per un lavoro che per un’abita zione.