Acqua non potabile, oggi il verdetto dell’Asl

0
257

Crisi senza fine dell’acqua, la comunità di Forino attende con il fiato sospeso l’esito degli ultimi prelievi effettuati dall’Asl di Avellino, dal quale risulterà il verdetto se sia meno potabile l’acqua a cui i cittadini hanno accesso.

A dispetto di Solofra dove è stata revocata l’ordinanza di divieto dell’acqua potabile d’uso a Forino invece resta in vigore per ora la disposizione firmata dal commissario prefettizio Silvana D’Agostino che proibisce l’uso. L’ordi – nanza era stata disposta a causa di anomalie riscontrate dall’Alto Calore il 23 novembre scorso, nelle risorse idriche prima nella zona di Casaldamato ma poi anche in altre aree del territorio comunale.

Ora si attendono dall’ Asl i risultati degli ultimi prelievi incrociati effettuati con l’Alto Calore, mercoledì scorso, che in caso di esito negativo potrebbero permettere al viceprefetto di Avellino D’Agostino la revoca dell’ordinanza e il riutilizzo della risorsa idrica per i cittadini. d’altronde il commissario d’agostino Silvana D’Agostino, vicario a Palazzo di Governo e da alcune settimane alla guida del Municipio come commissario prefettizio (dopo le dimissioni del primo cittadino Pasquale Nunziata ndr) è stata molto chiara: «Fino a quando non giungeranno le determinazioni da parte dell’Asl sulla qualità dell’acqua, non ci saranno revoche dell’ordinanza che vieta il consumo ».E la vicenda sta anche scatenando l’indignazione dei cittadini, soprattutto via social. Una petizione online è stata lanciata nelle ore successive all’ordinan – za del commissario prefettizio per sollecitare sulla vicenda il ministro Beatrice Lorenzin e il governatore della Campania Vincenzo De Luca.