Alaia: bene Bisaccia, ospedale di comunità

0
1061

“Nel 2018 l’Irpinia avrà una significativa dotazione di
risorse da destinare all’edilizia sanitaria e un’attenzione particolare in
termini di potenziamento dell’offerta territoriale con la riconversione del
presidio di Bisaccia in Ospedale di Comunità e la messa a norma del PO di
Ariano Irpino, di Sant’Angelo dei Lombardi e di Solofra. Nonostante le
ristrettezze economiche e i le rigide regole del Piano di Rientro, il
Governo De Luca continua nella sua opera di riorganizzazione della sanità
campana, avendo sempre grande attenzione per le peculiarità delle aree
interne e, in particolare della nostra Irpinia.” E’ quanto afferma il vice
presidente della Commissione sanità del Consiglio regionale, Enzo Alaia.

“Con la pubblicazione sul Burc del decreto 62 del 30 novembre 2017 – spiega
Alaia – è stato fatto un ulteriore importante passo in avanti sul sentiero
impervio della riorganizzazione di un servizio sanitario che, in
particolare in Irpinia, ha dovuto subire tagli operati senza alcun criterio
e del tutto indifferenti alle specificità delle aree interne. Per
l’Ospedale ‘Moscati’ sono previsti 3 milioni per lavori di completamento e
ammodernamento tecnologico, rispondendo così all’esigenza di implementare
la dotazione del nosocomio. L’obiettivo – come si legge nel decreto – è di
una piena umanizzazione e della massima efficienza impiantistica –
tecnologica e gestionale.”

“Vale la pena ricordare – prosegue il Consigliere regionale – che la
struttura di Bisaccia era stata declassata a struttura polifunzionale
durante la fase commissariale a guida Caldoro. Ora diventerà ‘Ospedale di
Comunità’ andando incontro alle esigenze proprie di un territorio
particolarmente esteso e con poca densità demografica. Anche per tale
presidio saranno destinate risorse per il suo adeguamento alla normative in
vigore. Significativi, inoltre, gli interventi per il Frangipane di Ariano
Irpino per il quale sono previsti 1,7 milioni nel 2018 e 700mila euro nel
2019 e per il Landolfi di Solofra per il quale è stato previsto il
completamento dei lavori di adeguamento alle norme anticendio.”

“Certo – conclude Alaia – tutto è migliorabile, e in tal senso il confronto
con il territorio e i suoi amministratori è sempre auspicabile. Tuttavia,
coloro che amano criticare a prescindere, dovrebbero avere sempre la
consapevolezza che le risorse sono scarse, che la sanità in Campania è
commissariata e che è tuttora sottoposta a un rigido piano di rientro della
spesa.”