Il dolore invisibile

0
325

Mario ha 40 anni, da poco compiuti. E’ disabile. Ha una storia di vita incredibile. Un disagio mentale l’ha costretto ad un viaggio itinerante tra case di cura. Ricovero dopo ricovero, malattia che non accenna ad essere sconfitta. Mario s’inoltra nel percorso del disagio, conoscendo tutto il male che un sistema sanitario senza cuore e malato di burocrazia riesce a produrre. La speranza non muore.

E’ vero la psichiatria del dopo Basaglia ha fatto registrare passi da gigante. Sono nate le Rsa. Dove ci sono. Ma spesso l’inefficienza umana, a volte condita di speculazione o di eccessiva burocrazia, ha creato nuovi problemi. Qualcuna di queste “residenze” è meritevole di attenzione. La maggior parte, invece, rientra nel “pianeta malasanità”.

Un bel giorno per Mario, e i suoi sfortunati compagni, c’è un lampo di luce. Entra a far parte di una cooperativa sociale, “Un posto al mondo”, in un Comune dell’Avellinese, Paternopoli. E qui si scrivono altre pagine di un libro pieno di speranze. Un nucleo di soci messi insieme da Luisa Di Blasi, tra indifferenza e silenzi decide di schierarsi dalla parte degli ultimi.

Si avvia un progetto di integrazione per l’inserimento sociale protetto. La cooperativa si apre al territorio. Lancia messaggi. Realizza progetti. Li propone. Ma siamo nel Mezzogiorno e se non hai un padrino che sponsorizza c’è poco da fare. La volontà di proseguire nell’obiettivo vince sulla rassegnazione. E qui il miracolo laico. La Ema di Morra De Sanctis, azienda leader nel mondo nella componentistica aerospaziale si è aperta al territorio e grazie al suo amministratore, ing. Otello Natale, con la collaborazione della Tecnologica di Andrea Giorgio, hanno avviato un progetto di lavoro per questi giovani sfortunati.

Da qualche tempo anche l’Archivio di Stato di Avellino si è schierato al loro fianco. Oggi i ragazzi della Ema in Alta Irpinia sono una grande realtà in cui etica, moralità e responsabilità diventano progetto di una grande umanità. E Mario ne è testimone.

di Gianni Festa edito dal Quotidiano del Sud