Salerno, presentazione del libro su Raffaele Tafuri

0
24

Questa sera alle ore 18.00 si terrà la presentazione del libro d’arte di Stefano Orga, un’elegante monografia dedicata all’artista “Raffaele Tafuri (1858-1929). Il grande pittore salernitano dell’Ottocento”. L’evento culturale si terrà presso l’Aula Magna del Convento dei Cappuccini di Salerno, sito in Piazza San Francesco d’Assisi, civico 33 (difronte al liceo Tasso).

Grazie alle numerose immagini il testo ripercorre l’itinerario creativo del pittore salernitano, che in modo del tutto personale ha saputo interpretare lo spirito dell’Ottocento italiano, esponendo per ben sei volte alla Biennale Internazionale d’Arte di Venezia.

Si confronteranno con il testo il sociologo Dott. Eleuterio Tomaselli (Università degli Studi di Salerno), e il Dott. Giuseppe D’Amore (neurologo e cultore d’arte), concluderà l’autore.

Saluteranno: Maestro Francesco Roselli (pittore), Dott. Basilio Puoti (giornalista), Dott. Franco Iannaccone (giornalista), e Padre Claudio Luciano OFM Cap. (Convento dell’Immacolata di Salerno).

All’evento culturale saranno previsti degli intervalli musicali realizzati dai chitarristi Filippo Lo Gatto e Giuliano Golia D’Augé.

Il libro edito dalle Edizioni Omicron di Roma è la prima monografia dedicata al pittore Raffaele Tafuri. Il testo semplice e di facile lettura propone uno studio storico artistico della figura e dell’opera del pittore salernitano Raffaele Tafuri, fornendo un profilo critico attendibile con una disamina dell’attività e dell’evoluzione artistica del pittore salernitano dell’Ottocento.

Si tratta di un libro indispensabile per i cultori d’arte campana e nazionale, e soprattutto per i collezionisti. Propone numerose illustrazioni di opere autografe dell’artista con un’interessante catalogo dei lavori. A corredo il testo è fornito di una ricca bibliografia.

Per la presentazione del libro d’arte saranno esposti cinque dipinti autografi del maestro salernitano, fra cui si segnalano Scorcio lacustre del 1898, Campanile del 1900 e Angolo di Pedavenadel 1910.

L’iniziativa culturale è organizzata dagli “Amici del MdAO” con la collaborazione dell’ “Associazione Culturale ACO”, e del “MdAO – museo d’arte”.