Una consulenza per chiarire la morte di Gianluca Ragno

0
16
ambulanza

Dal 6 agosto al via una consulenza per ricostruire l’incidente costato la vita al ventinovenne Gianluca Ragno, il ragazzo che viveva a Sorbo Serpico. Il 29enne era bordo di una moto quando, lungo la Variante 7 Bis, si è scontrato con un furgone che stava effettuando una manovra di immissione sulla superstrada. Il sostituto procuratore, Luigi Iglio, ha nominato come consulente, l’ingegnere Alessandro Lima, già CT della Procura nel processo sulla strage del bus dell’Acqualonga.

Il conferimento dell’incarico è avvenuto alla presenza dell’avvocato della famiglia della vittima, il penalista Marino Capone, e del consulente di parte Ennio Sarno. Assente l’indagato di Serino che era alla guida del furgone. L’incidente era avvenuto, dopo mezzogiorno, lungo la Variante 7 Bis, a Manocalzati non lontano dal “Bel Sito hotel le due torri”. La vittima era in compagnia di due motociclisti. Uno è riuscito miracolosamente a evitare l’impatto con il furgone. L’altro è stato meno fortunato, ma lo scontro non è stato violento. Tre ambulanze erano intervenute sul posto. Gianluca Ragno era stato trasportato in codice rosso all’ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino. Ma il 29enne, nonostante l’intervento dei medici, era presto deceduto. Troppo gravi le ferite riportate a causa del violento incidente.