19/12/2014 00:03:06  
 

Morra, Grippo sull’Imu: «Tuteliamo gli emigrati»





Morra De Sanctis 14:19 | 16/05/2012
MORRA DE SANCTIS - Uno dei temi più discussi nei paesi dell’Alta Irpinia in queste ultime settimane, è certamente quello dell’Imu e della sua applicazione. Il dibattito nelle amministrazioni è forte perchè si vorrebbe dare ai cittadini il minor peso possibile. A partecipare alla discussione è il consigliere autonomo di minoranza del Comune di Morra De Sanctis Francesco Grippo.

«Come è noto - dice Grippo - con il decreto legge n. 201 del 2011 convertito in legge n. 214 del 2011 e successivo n. 16 del 2012 convertito a sua volta in legge n. 44 del 2012 è stata introdotta l’IMU, l’imposta municipale unica che va a sostituire anche l’ex ICI.
Oltre all’aumento del valore dell’immobile determinato sulla rendita catastale rivalutata del 5% per 160, sono state altresì fissate le aliquote base del 4 per mille per l’abitazione principale, del 7,60 per mille per gli altri immobili e del 2 per mille per i fabbricati rurali. Per l’abitazione principale, intesa come quella dove si ha la residenza, è prevista una detrazione fissa di 200 euro aumentata di 50,00 euro per ogni figlio convivente di età non superiore a 26 anni. Il Comune, con apposito regolamento da sottoporre all’approvazione del Consiglio Comunale, ha la facoltà, entro il 10 settembre 2012, di aumentare o diminuire l’aliquota di 2 punti per la prima casa e di 3 punti per gli altri immobili. Con lo stesso regolamento si possono altresì prevedere le agevolazioni per i morresi residenti all’estero e iscritti all’Aire.
Allo stato le abitazioni dei morresi residenti all’estero sono equiparate ingiustamente alle seconde abitazioni e pertanto soggette all’iniqua aliquota del 7,60 per mille. Per questo motivo,
al fine di eliminare un’ulteriore penalizzazione ai danni dei nostri emigrati, propongo di equiparare le abitazioni possedute in Italia dai morresi residenti all’estero iscritti all’Aire all’abitazione principale con l’aliquota del 4 per mille anziché del 7,60 per mille e di prendere in considerazione, compatibilmente con le esigenze di bilancio, la riduzione delle aliquote Imu per l’abitazione principale e per gli altri immobili».
 

Quest'articolo è stato visualizzato 1027 volteRedazione provincia
Leggi altri articoli in: Irpinia, Alta Irpinia





Inviaci il tuo commento

Il tuo nome:
Il tuo indirizzo e-mail:
Titolo:
Il tuo commento:
Codice di verifica:

Codice di verifica
Attenzione: commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità altrui non saranno pubblicati.
Il tuo indirizzo IP ed il tuo indirizzo e-mail saranno registrati nel nostro database, ma non saranno mai resi visibili agli altri utenti.






   

          Eccellenza
          Promozione
          Prima categoria
          Seconda categoria
          Terza categoria
CORRIERE Quotidiano dell'Irpinia fondato da Gianni Festa Notizie e approfondimenti di cronaca, politica, economia e sport con foto, immagini e video. Meteo, annunci di lavoro, immobiliari e auto.