Baratto amministrativo e Consigli in streaming: le proposte dei Meetup di Montoro

0
584

 

Gli attivisti del meetup Amici di Beppe Grillo Montoro continuano il loro impegno civico a favore della comunità cittadina con proposte concrete rivolte al Sindaco e al Consiglio comunale.
Oggi 30 novembre 2015 sono state protocollate le seguenti proposte:
la prima riguarda l’applicazione della legge 164/2014 sul Baratto Amministrativo, ecco di seguito l’intera proposta.
Al sindaco del Comune di Montoro Al presidente del Consiglio comunale Ai Consiglieri comunali OGGETTO:RICHIESTA PER L’APPLICAZIONE DELLA LEGGE 164/2014-Patto col Cittadino-Baratto Amministrativo Il meetup Amici di Beppe Grillo Montoro premesso che -l’attuale crisi economica ed occupazionale ha investito in modo drammatico anche il nostro territorio creando forti disagi sociali tra i cittadini di Montoro; -le istituzioni locali dovrebbero rivolgere nei confronti delle categorie in difficoltà tutte le attenzioni possibili per scongiurare, ove possibile, ulteriori sofferenze di natura economica e sociale; -il carico tributario per i cittadini è sempre più insostenibile a fronte, invece, di un generale peggioramento dei servizi pubblici o di pubblica utilità che vengono erogati da Enti Locali; -il decreto-legge 12 Settembre 2014 n.133 (cosiddetto Sblocca Italia),convertito, con modificazioni, dalla legge 11 Novembre 2014, n.164, all’art.24 reca disposizioni in materia di “Misura di agevolazione della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione del territorio”, prevedendo che “i comuni possono definire con apposita delibera i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi su progetti presentati da cittadini singoli o associati, purché individuati in relazione al territorio da riqualificare. Gli interventi possono riguardare la pulizia, la manutenzione, l’abbellimento di aree verdi, piazze, strade, ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati, e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano. In relazione alla tipologia dei predetti interventi, i comuni possono deliberare riduzioni o esenzioni di tributi inerenti al tipo di attività posta in essere. L’esenzione è concessa per un periodo limitato e definito, per specifici tributi e per attività individuate dai comuni, in ragione dell’esercizio sussidiario dell’attività posta in essere. Tali riduzioni sono concesse prioritariamente a comunità di cittadini costituite in forme associative stabili e giuridicamente riconosciute.”; -l’art.118, ultimo comma, della Costituzione italiana recita: ”Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà”; CONSIDERATO CHE -Ogni Amministrazione Pubblica dovrebbe sensibilizzare i cittadini a rispettare e tutelare il territorio in cui vivono, invitandoli anche a migliorare il “decoro urbano”; -la fattiva collaborazione tra Amministrazione e cittadini rappresenterebbe anche uno stimolo a diffondere un maggiore senso civico e senso di appartenenza, fornendo un esempio di vicinanza delle Istituzioni alle problematiche degli abitanti del territorio; -l’Amministrazione ha una conoscenza effettiva della criticità delle situazioni economiche di alcune famiglie presenti nel comune ed ha quindi la possibilità di tramutare oneri, tributi, rette e qualsiasi forma di debito in ore di lavoro producendo una modalità di copertura di passività migliorando il bilancio; -molti Comuni Italiani, anche limitrofi, hanno già espresso parere favorevole rispetto al contenuto dell’articolo 24 dello “Sblocca Italia”, che ha introdotto, di fatto, l’istituto del cosiddetto baratto amministrativo, ed in tanti altri è stato approvato con delibera di Consiglio comunale il regolamento sul “baratto amministrativo”; -il “baratto amministrativo” si ispira ai principi di amministrazione condivisa e cittadinanza attiva e trova il favor normativo verso l’impegno civico da parte dei cittadini e di aiuto concreto da parte dell’amministrazione a favore delle persone e delle famiglie in condizione di difficoltà; -il MeetUp Amici di Beppe Grillo Montoro ritiene che l’Amministrazione possa e debba
far proprio questo strumento normativo di sostegno, adottando un regolamento che, determinando i criteri e le condizioni da applicare, ne dia piena attuazione e che contenga agevolazioni, riduzioni e/o esenzioni in materia di canoni e tributi locali per quei cittadini che svolgano gli interventi individuati nell’art.24 dello “Sblocca Italia”. Tanto premesso e considerato, il MeetUp Amici di Beppe Grillo Montoro INVITA SINDACO E GIUNTA a quanto previsto dall’art.24 della legge 164/2014 sopracitata; a definire, mediante l’apposita ed esistente commissione competente, a definire il Regolamento Comunale (entro 120 giorni) che introduca e disciplini il “Baratto Amministrativo”, ovvero di tramutare importi dovuti all’Amministrazione con servizi alla collettività per le competenze dell’Amministrazione e che ne definisca criteri e modalità. Le attività, a titolo esemplificativo possono essere quelle relative alla manutenzione ordinaria, pulizia e vigilanza parchi, giardini, aiuole e spazi pubblici, assistenza alle scolaresche. Il sistema di calcolo del valore economico delle ore di lavoro svolte potrà essere attuato in funzione dell’incarico svolto e del costo orario del dipendente pubblico impegnato nella medesima mansione. L’accesso a tale strumento dovrà essere limitato e permesso solo ai cittadini con reali difficoltà economiche (ad es.ISEE con importo molto basso con componenti del nucleo familiare disoccupato o che abbiano perso il lavoro). Si chiede di individuare, per l’anno 2016, le somme necessarie per rendere attuabile la Legge 164/14 e di vincolarle ad uno specifico capitolo di spesa.
La seconda proposta protocollata riguarda la legge 133/2013 sulla trasparenza, con la quale si richiede il miglioramento dello streaming dei consigli comunali, che nella maggior parte dei casi, essendo di pessima qualità non permetta la fruizione da casa del Consiglio comunale e inoltre, si richiede lo streaming delle riunioni della Giunta Comunale e delle Commissioni Consiliari. Di seguito il testo della richiesta:
Al Sindaco del Comune di Montoro
Agli Assessori del Comune di Montoro
Al Presidente del Consiglio Comunale del Comune di Montoro
Ai consiglieri Comunali del Comune di Montoro
e p. c.
Al Segretario Generale del Comune di Montoro
OGGETTO: RICHIESTA MIGLIORAMENTO QUALITÀ AUDIO-VIDEO STREAMING CONSIGLIO COMUNALE, STREAMING RIUNIONI DELLA GIUNTA COMUNALE E DELLE COMMISSIONI CONSILIARI
I cittadini attivi del MeetUp Amici di Beppe Grillo MONTORO su base di quanto visionato all’interno dell’aula consiliare e su base di quanto riscontrato sul sito web del Comune di Montoro
CHIEDONO
un miglioramento della qualità del video e, soprattutto, audio in modo tale da avere una chiara visione per i cittadini, i quali impossibilitati nel raggiungere la sede comunale ma interessati a seguire tutte le vicende che la coinvolgono.
INOLTRE
sulla base del Decreto Legislativo n° 33/2013 si fa richiesta di avere uno streaming delle riunioni della Giunta Comunale e delle Commissioni Consiliari che si svolgono all’interno della sede comunale.
Si tiene a ricordare e sottolineare che tale servizio oltre ad essere presente deve avere un corretto funzionamento, se così non fosse ciò equivarrebbe alla totale mancanza dello stesso.