La lettera di Natale del sindaco di Montefusco tra auspici e bilanci

0
193

 

Cari Concittadini e care Concittadine entriamo nelle Vostre case con poche ma sentite righe di inchiostro per augurare a tutti Voi un nuovo Anno allíinsegna della serenit‡ e della pace in un momento in cui diventa sempre pi˘ pregnante essere uniti per centrare insieme tanti obiettivi in nome dellíinteresse comune.
Un anno ñ il 2015 ñ non facile per una congiuntura economica nazionale e internazionale che chiama soprattutto noi amministratori, con a cuore le sorti della nostra gente, a rimboccarci le maniche come abbiamo dimostrato in questi mesi dal primo giorno del nostro insediamento, malgrado le tante difficolt‡ incontrate.
Cari Amici, crediamo di non aver deluso le Vostre aspettative pur coscienti che Ë necessario andare avanti con caparbiet‡ e grinta senza mai abbassare la guardia dinanzi alle innumerevoli problematiche della quotidianit‡ che purtroppo non risparmiano la nostra genuina e laboriosa collettivit‡.
Ce la metteremo tutta per restituire visibilit‡ e centralit‡ al nostro bel paese per poter di nuovo renderlo protagonista come in un passato ñ purtroppo remoto ñ; ce la metteremo tutta per continuare a darVi risposte. Non ci arrenderemo dinanzi agli ostacoli perchÈ crediamo che, voler bene al Nostro/Vostro paese, significa continuare a camminare con il passo giusto. Ce la faremo a superare insieme questa crisi logorante che fa lacrimare i cuori di tutti noi e soprattutto di chi non riesce a dormire la notte perchÈ pensa alla sua Vita senza un futuro certo.
Padri e madre che hanno perso il lavoro; giovani in cerca di occupazione e ferite sanguinanti rispetto alle quali Ë necessario mai chinare la testa, mai arrendersi ma guardare avanti con lo spirito della positivit‡ perchÈ arriver‡ il giorno migliore; arriver‡ il sorriso; arriver‡ la serenit‡ di un posto di lavoro ritrovato e tanto altro. Noi saremo sempre al Vostro fianco.
La nostra stretta di mano non verr‡ mai meno perchÈ siamo convinti che quando líobiettivo primario Ë la missione targata Comunit‡ i risultati arriveranno, cosÏ come sono giunti a destinazione i primi.
Ne elenchiamo solo alcuni che richiamano la sicurezza e la legalit‡ ma non solo: siamo riusciti, come da programma elettorale a ridare a Montefusco, il borgo antico fiore allíocchiello dellíIrpinia, la Caserma dei carabinieri che a breve sar‡ inaugurata in uníala di palazzo Giordano. Un presidio di legalit‡ importante in un momento in cui la criminalit‡ aumenta e per questo la necessit‡ di avere nel cuore del nostro paese i militari dellíArma. Inoltre ñ come promesso ñ abbiamo installato il sistema di videosorveglianza che contribuir‡ ad essere deterrente per i delinquenti che vorranno fare razzia nelle nostre case, nelle nostre aziende, nella nostra comunit‡. Si tratta di un sistema di videosorveglianza in ottica smart city (che consente la fruizione di servizi aggiuntivi di facile implementazione , come ad esempio una stazione meteo per il rilevamento dei dati ambientali, punti hot-spot wifi che forniscono connettivit‡ internet agli utenti – notebook, tablet, smartphone, etc.etc. – nelle piazze principali, collegamenti istantanei a centri sos, come protezione civile, ospedali e centri di pubblica sicurezza, la possibilit‡ di implementare pannelli a messaggio variabile per fornire al cittadino informazioni di pubblica utilit‡).
Non abbiamo fatto venire in secondo piano mai la scuola e i suoi studenti, le politiche sociali, la visibilit‡ del nostro paese grazie ai servizi giornalistici televisivi (tra questi, la diretta Rai nellíambito del Tgr Rai Campania e la trasmissione ëSÏ Viaggiareí Tg2) nonchÈ il tour di giornalisti di alcune testate nazionali e di alcune agenzie giornalistiche nazionali che hanno dato lustro a Montefusco attraverso la pubblicazione di articoli su riviste, quotidiani, tv etc. etc.
Non abbiamo fatto passare in secondo piano i lavori pubblici che hanno creato disagio ai Voi cittadini ma che a breve restituiranno servizi e vantaggi: a stretto giro la chiusura degli interventi per l’adeguamento e l’efficientamento della rete fognaria che ha interessato sia il centro cittadino che le nostre contrade; ci apprestiamo alla fase finale per la realizzazione e l’adozione del Puc (Piano urbanistico comunale), strumento fondamentale che rafforzer‡ le potenzialit‡ di sviluppo del nostro territorio; abbiamo provveduto al ripristino dell’area sosta di Fontanariviezzo, da anni nel degrado; agli interventi di pulizia e manutenzione per la valorizzazione delle fontane storiche di Montefusco e grazie agli operatori Lsu siamo riusciti a ridare maggiore ordine e decoro ai nostri vicoletti; ci siamo impegnati affinchÈ líefficientamento energetico per gli istituti scolastici – elementare e media, nonchÈ per il plesso dove era allocata la scuola materna in localit‡ SantíEgidio – diventasse realt‡; abbiamo voluto dare priorit‡ allíoratorio di San Giacomo affinchÈ i suoi affreschi non venissero perduti. Il tutto grazie ad un progetto di riqualificazione; abbiamo inoltre puntato sul nostro patrimonio storico culturale che va recuperato cosÏ come sono stati restaurati manoscritti del XV e XVI secolo, nonchÈ pergamene e documenti del 1800; Ë stato inoltre incrementato il patrimonio librario della biblioteca comunale (presto sar‡ allocata a Palazzo Giordano) che dovr‡ essere punto di riferimento per quanti vorranno approfondire e conoscere.
CíË di pi˘. Sul fronte tasse abbiamo ridotto la Tasi e potremmo diminuire ulteriormente i tributi se tutti pagassero nei tempi senza ricorrere ad ulteriori costi per il recupero dei crediti . Inoltre per i nostri giovani ñ che rappresentano il futuro ñ ci siamo impegnati affinchÈ possano avere opportunit‡ di crescita e occupazione attraverso ëGaranzia giovanií. ..
Cari concittadini noi non ammaineremo la bandiera di Montefusco ma continueremo ad andare avanti per segnare il solco del benessere di questo meraviglioso paese che ha in sÈ ancora tante ricchezze sopite.
Auguri di cuoreÖ Ad maiora!
Il sindaco Carmine Musto Gnerre e la sua squadra
Daniele Taetti, Carmen Melone, Teresa Lombardo,
Salvatore Santangelo, Ester Serino,
Alberto Zampetti e Nicola Figliolino