Wine&Taranta Fest: Teora capitale della musica e della tradizione popolare irpina

0
144

 

Sabato 9 Luglio a Teora si è conclusa la prima edizione del festival enogastronomico e della taranta , con la speciale partecipazione del cantante partenopeo Eugenio Bennato e del suo movimento musicale,ormai famoso in tutto il mondo come Taranta Power.
Circa tremila persone hanno affolato piazza Giordano Bruno e i vicoli adiacenti del piccolo centro in provincia di Avellino che per una notte è diventato capitale della buona musica e dell’ottimo vino,rigorosamente irpino.
L’organizzazione è stata curata nei minimi dettagli,la giornata è stata ricca di contenuti,gioiosa e piena di speranza,la speranza che anima i molti giovani che ancora credono nella rinascita dell’Alta irpinia, che credono in questo territorio intrico di valli e alture di fiumi e laghi che spesso sono visti come un ostacolo alla comunicazione tra i vari paesi,ma che invece sono il volano di un turismo sostenibile.
La giornata si è svolta nel primo pomeriggio con l’apertura dei laboratori eno-gastronomici e subito dopo con la conferenza stampa tenutasi nel museo etnografico “Teerum” con l’artista Bennato, che ha sottolineato come fosse considerato folle nei lontani anni sessanta quando preferì il mandolino alla chitarra elettrica. Folle come tutti coloro che credono nella rivoluzione di idee che deve coinvolgere dapprima tutto il meridione e poi proseguire in tutto il mondo.
Il programma artistico è iniziato con i Pizzicanti d’irpinia gruppo emergente,con la passione della pizzica e della musica popolare fermamente convinti che la propria cultura e le proprie radici non vadano dimenticate.
Subito dopo come previsto c’è stato l’ingresso di Eugenio Bennato e Taranta power che ha ringraziato la piazza ricordando Giordano Bruno, uomo del sud che ha lottato impavidamente contro l’ipocrisia di quei tristi tempi. Un concerto che ha attirato molti fan,e che ha fatto conoscere questo fantastico scorcio di terra. A concludere One for Peace gruppo etno-popolare che ha suonato fino a notte inoltrata
La conclusione la traccia il consigliere Pietro Sibilia delegato alla cultura e al turismo del comune di Teora, main sponsor dell’evento, che insieme alla Pro loco, capitanata da un giovanissimo presidente Fabrizio Vitiello,riporta come il festival sia servito, in special modo all’aggregazione sociale e come il Wine&Taranta Fest non parta dal caso e dall’approsimazione,ma da una volontà programmatica, dalla follia di quei ragazzi che ci hanno creduto, che hanno lottato contro la diffidenza e si è concretizzato nel sogno di tremila persone. Wine& Taranta Fest non è un evento,ma un movimento di idee che "naviga" dall’irpinia d’occidente a quella d’oriente e si dilaga nel grande Sud.