Lo scultore irpino Alfonso Cavaiuolo ricevuto dal Signor Capo della Polizia-Direttore Generale della Pubblica Sicurezza

0
581

 

Lunedì 22 maggio scorso, nel quadro delle commemorazioni dell’anniversario della strage di  Capaci, lo scultore irpino Alfonso Cavaiuolo, maestro artigiano di opere artistiche in ferro battuto, accompagnato dal Questore di Avellino Dr. Luigi Botte,  è stato ricevuto dal Capo della Polizia Prefetto Franco Gabrielli, presso la sede del Ministero dell’Interno in Roma. Lo scultore di S. Martino Valle Caudina, in ricordo del vile attentato mafioso, ha voluto donare al Capo della Polizia un’opera  su lamiera in ferro, realizzata con la particolare tecnica a sbalzo, effigiante i volti del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e dei tre Agenti di scorta Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani, tutti vittime dell’atroce strage mafiosa. In un clima di cordiale serenità, alla presenza del Questore Botte,  il Capo della Polizia ha accolto lo scultore sannita che, nella circostanza, ha brevemente illustrato le peculiarità della scultura e le motivazioni che lo hanno indotto a realizzare l’opera  che è stata particolarmente apprezzata dal Signor Capo della Polizia, che è rimasto favorevolmente colpito dalla speciale tecnica utilizzata dal maestro Alfonso Cavaiuolo.

(In allegato uno scatto fotografio dell’incontro con Il Signor Capo della Polizia)