“Assettati addo vuò”, tradizione e ospitalità

0
1504

La formula è quella ormai consolidata nel segno della riscoperta delle ricette della tradizione, in un borgo dove le sedie campeggiano ovunque, a sottolineare l’ospitalità della comunità. Ritorna dal 21 al 23 luglio a Manocalzati “Assettati addo vuò” e alla sua sesta edizione conserva intatte le caratteristiche ne hanno decretato il successo, cortesia, genuinità dell’enoganostronomia e sano divertimento. Ad essere allestita sarà ancora una volta una lunga tavolata che attraversa tutto il centro del paese, fino a sfiorare il Km, rinnovandosi con nuove scenografie. Tra le novità un angolo interamente dedicato ai bambini denominato “Assettolandia”. Numerosi i musicisti che accompagneranno le tre serate di festa, pronti a far divertire e ballare al suono della musica popolare, pizzica, rock ‘n’roll, etnico folk, reggae, ska, punk, insomma musica per tutti i gusti melodie di ogni genere e Manocalzati si  trasformerà ancora una volta vero ombelico del mondo. Ad alternarsi sul palco artisti e gruppi, capaci di interpretare i generi musicali più diversi, dalle sonorità folk al jazz, dal rap al rock, dai ritmi ragge allo ska, e di coinvolgere il pubblico: i Siderali, Hyrpinia Connection Raf D Selecta & Mist Dek Reggae dj set, Miuzikant e Asse Mediano, I Lumanera, i Melagodo, Tony Borlotti e i suoi flauers, Tony Bitter, I malamente, Lunatika e Hambemus Capa. La rassegna, promossa dalla pro loco, in collaborazione con il Comune vuole essere anche l’occasione per riassaporare i piatti della tradizione, ricette preparate dalle massaie di una volta, fusilli al ragu’ e cortecce ceci e pancetta, carne e puorco patate e pepaini, cotechino al sugo e cotenna, fagioli messicana, panino  salsiccia/cotechino/porchetta, pizza fritta, rape e patate, caciocavallo impiccato. “Immaginate la musica che i numerosi gruppi folcloristici di ogni tipo e luogo diffondono per le vie del paese – si legge nelle note che accompagnano la rassegna – con i loro strumenti per allietare tutti i commensali, le danze, gli spettacoli di strada per il piacere di grandi e piccini.

Immaginate che ogni vicoletto del paese si faccia interprete di particolari specialità e rappresenzazioni artistiche, sorprendendo il visitatore con profumi, gusti, musiche e danze sempre differenti ed entusiasmanti. Il simbolo della manifestazione si conferma, dunque, “la sedia”.

Ovviamente ve ne sono di ogni tipo e sparse un poco ovunque, perfino appese ai lampioni e ai balconi delle case del grazioso centro del paese, come a dire “prendine una, siediti e passa un po di tempo mangiando e divertendoti con noi”. Poichè a Manocalzati c’è posto per chiunque.