Asencio: “Voglio ripagare la fiducia della società a suon di gol”

0
890

Dopo Di Tacchio è il turno di Raul Asencio di presentarsi a tifosi e addetti ai lavori. In diretta da Cascia l’attaccante comincia descrivendo le proprie abilità. “Le mie caratteristiche sono quelle di una prima punta, così giocavo al Genoa, ho buone qualità aeree ma mi trovo bene anche giocando da esterno, con i piedi”.

Primo campionato da professionista, la B sarà dura, cosa ti aspetti?
“Me l’hanno detto, sarà un campionato duro, ma vengo preparato per fare il meglio possibile. Non ho paura e darò il massimo”.

Un giudizio su Novellino e i compagni.
“Bene, mi hanno accolto alla grande e mi ha dato fiducia. Anche il mister mi sta facendo imparare il ruolo di esterno, non l’ho mai fatto ma sta andando bene. Ringrazio tutti per l’accoglienza”.

I paragoni con Torres ti stimolano?
“Sì lo ammiro da piccolo, non dico che certo di imitarlo ma mi onora anche se io sono Asencio e cercherò di fare la mia strada”.

Cosa ti intimorisce di questo campionato di B?
“Non mi intimorisce niente perchè mi sono allenato con i ‘grandi’ del Genoa, non vengo non pronto. Spero di fare bene”.

Sui social ci sono già i messaggi di benvenuto dei tifosi.
Sì ho visto dei video della curva, dei tifosi, mi ha fatto impressione perchè mi ha fatto capire che qui il calcio è molto sentito. Ho anche ricevuto molto messaggi e li ringrazio, un’accoglienza così per un giocatore di una Primavera è una fortuna”.

Che lavoro ti ha chiesto Novellino in allenamento?
“Mi chiede aiuto anche in fase difensiva, devo lavorarci perché è un ruolo nuovo per me ma la sto imparando, sono qui anche per crescere. Mi trovo bene col mister”.

Hai scelto Avellino anche per i tifosi?
“Prima di tutto l’Avellino mi ha inseguito piu’ delle altre, mi ha pressato di piu’ e questo mi ha fatto capire che mi voleva davvero. I messaggi dei tifosi sono arrivati dopo, ha inciso di piu’ la pressione della società”.

Castaldo ti incita molto, che tipo di legame hai sviluppato con lui e con gli altri?
“Mi consigliano tutti, fanno il massimo per aiutarmi, li ringrazio. E’ vero che su ogni palla mi pressano ma è giusto ma l’anno sarà lungo ed è giusto così”.

L’Avellino ha lanciato molti giovani, anche il presidente Taccone ha parlato bene di te, lo hai conosciuto?
“Sì l’ho conosciuto appena arrivato ad Avellino, mi ha detto che crede molto in me e mi ha dato forza”

Novellino vi chiede tanto lavoro.
“Sì sono giorni duri ma è il ritiro, dobbiamo prepararci per tutto l’anno ma anche Stellini al Genoa ci torchiava molto”.

Al Genoa ci sono Biraschi e Izzo ex Avellino, ti hanno parlato di Avellino?
“No ma mi metterò in contatto con loro tra poco”.

Come sogni il tuo esordio con la maglia dell’Avellino?
“Soprattutto fare bene e fare gol. E poi spero in un applauso della curva e tutti i tifosi”.

A chi ti ispiri a parte Torres?
“Mi piace molto Lewandowski ma come dicevo prima sono Asencio“.

Hai un obiettivo personale?
“Vorrei fare molti gol ma giocando esterno potrei puntare piu’ sugli assist, ma vorrei arrivare almeno a dieci gol. So che è difficile ma bisogna pur porsi un obiettivo”.

Lo riporta TuttoAvellino.it.