Morti nella solfatara, pm al lavoro

0
844
Le bare con i corpi delle tre persone morte alla Solfatara di Pozzuoli vengono portate via dal cratere dell'area vulcanica. Pozzuoli (Napoli), 12 settembre 2017. I morti sono una coppia di turisti torinesi ma residenti a Meolo nel Veneziano - un uomo di 45 anni e sua moglie di 42 - e un loro figlio di undici, mentre un altro bimbo di sette si è salvato. ANSA/CIRO FUSCO

Il fascicolo sulla morte della coppia di genitori e del figlio di 11 anni avvenuta ieri nell’area della Solfatara di Pozzuoli è stato aperto dalla procura di Napoli per l’ipotesi di omicidio colposo plurimo, per verificare in primo luogo se vi sia stata una inosservanza delle norme di sicurezza. Al momento comunque non risultano persone indagate.
Nell’ambito dell’inchiesta, affidata al pm Ilaria Mancusi Barone e coordinata dal procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio, si è svolta oggi una riunione in procura. I magistrati sono in contatto con gli investigatori del commissariato di polizia di Pozzuoli che stanno svolgendo gli accertamenti. La procura nei prossimi giorni nominerà il consulente medico legale che dovrà eseguire le autopsie. Non è escluso che in tale contesto, come atto di garanzia, i pm possano emettere avvisi di garanzia, come atto dovuto, a carico di persone nei cui confronti venissero ravvisate eventuali responsabilità.