Taccone: “Resterei di nuovo solo al comando. Ma così non si può fare calcio”

0
556

Al termine del confronto Ferullo-Curva Sud, a cui ha assistito personalmente, il presidente Walter Taccone si è fermato ai microfoni di PrimaTivvù: “E’ stato un incontro tra Ferullo e la Curva Sud, a cui io ho assistito interessato. Ferullo ha capito che c’è stata una cattiva presentazione, attaccato per il fallimento del Latina, per il quale sono colpevoli altre persone. Gli hanno fatto capire che loro rappresentano la città, gli hanno fatto richieste di chiarezza o legate a un suo addio, ma non posso dire altro”.

In caso di addio di Ferullo cosa accadrà?: “Se Ferullo dovesse lasciare potrei andare avanti col 100%. Se vorrò continuare o meno è un altro discorso. Abbiamo risolto il caso Catanzaro, ma abbiamo addosso la Guardia di Finanza che mi contesta qualsiasi cosa, poi c’è la contestazione della Curva Sud. La serenità deve essere completa, altrimenti diventa difficile”.

Poi ancora: “I debiti? Li vogliamo pagare nelle modalità giuste e con le rateizzazioni giuste. Ma non dobbiamo essere aggrediti continuamente. Io resto, ho fatto un altro sacrificio economico da 700 mila euro, forse è l’ultimo perché da ora in avanti valuteremo cosa fare, se cercare un socio gradito alla piazza o continuare da solo. Quel che è certo è che non è semplice far fronte a pagamenti importanti ogni due mesi. Chi pensa che io prenda i soldi dall’Avellino non ha capito nulla. Questa città deve capire che per fare calcio occorrono i sacrifici di tutti. Se non si capisce questo, allora diventa difficile”.