Taccone: “Offerta per Bidaoui ma non lo cediamo”

0
398

In corso il convegno al Circolo della Stampa di Avellino dal titolo “Per un calcio pulito”, con la partecipazione tra gli altri di Fulvio Collovati e Walter Taccone. Proprio il presidente dell’Avellino si è soffermato con i giornalisti presenti: “Siamo in piena sintonia con l’allenatore, l’obiettivo primario resta la salvezza anche se qualche ‘bugia’ ogni tanto si dice. Scherzi a parte pensiamo alla permanenza in B, poi i tifosi fanno bene a sognare qualcosa in piu'”. Capitolo mercato: “De Vito è a Milano, non mi piace dire chi deve andare via ma qualcosa va sfoltito, ma non credo faremo cessioni eccellenti. Bidaoui? Ce lo hanno chiesto ma non lo cediamo a gennaio, rinunciando anche a una montagna di soldi. Poi è chiaro che se dovessero arrivare offerte irrinunciabili andremo ad analizzarle caso per caso.

A proposito di Bidaoui, ha un problema al mignolo del piede e dovrà stare fermo un po’ (si parla di un mese circa, ndr). Anche Cabezas ha una cicatrice che gli dà fastidio, lo sapevamo già, dovremo impiegarlo al momento opportuno. Ardemagni? Non ho mai detto che va via, vorrei restasse per dimostrare tutto il suo valore, recuperare il vero Ardemagni sarebbe un grande acquisto per noi come è stato per Gavazzi, quando lo dicevo nessuno mi credeva”.

Infine sulla trasferta di Foggia: “Non ci piace approfittare delle disgrazie altrui, anche a noi dispiace giocare a porte chiuse. Il Foggia ci ha chiesto di intervenire per giocare a porte aperte ma non è una decisione che spetta a noi. Il campo deciderà chi sarà stato piu’ bravo e porterà a casa i punti”.

Il presidente parla anche della corsa alla Figc: “A prescindere da chi sarà il presidente, e mi sono esposto anche oltremodo con Sibilia, è stata una giornata brutta per il calcio italiano. Abbiamo pazientato 10 ore per una situazione che si poteva prevedere, l’ho anche detto a Tavecchio che mi ha dato ragione, imprenditori che lavorano hanno perso una giornata senza alcun motivo”.