Sponz Fest, il programma della quarta giornata

0
508

Continua la sponzante ricerca della selvatichezza per opporsi alla bestialità della mansuetudine dello Sponz Fest, il festival ideato e diretto da Vinicio Capossela che si svolgerà fino al 26 agosto a Calitri e in 5 comuni limitrofi dell’Alta Irpinia (Cairano, Lacedonia, Morra de Sanctis, Sant’Angelo dei Lombardi , Villamaina.)

La mattina di giovedì 24 agosto è come sempre dedicata ai Sciuochi, i laboratori e giochi selvaggi per grandi e bambini non addomesticati: giochi antichi, costruzione di maschere ancestrali per allenare le menti all’inselvatichimento e trasmettere antichi saperi e il giro in bici guidato da Claudio Ferraro (FIAB Avellino Senza Rotelle), “Fatti mandare dalla mamma”.

Proseguono anche le cerimonie aperte al pubblico della comunità Mapuche, grande protagonista del Fest: Lillipun, tradizionale momento di preghiera all’alba, e Choike Purrun, danze collettive cerimoniali più movimentate che prenderanno vita sparse tra le location dello Sponz.

Nel primo pomeriggio il centro storico del paese diventa il palcoscenico di Dialogo tra “Il Paese dei Coppoloni” e “Il mare dove non si tocca”, con gli autori Vinicio Capossela e Fabio Genovesi.

A seguire, sulla rupe dei sensi si svolgerà una cerimonia Mapuche.

Pronto a ripartire alle 16.30 dalla stazione di Cairano lo Sponz Fest Express, il treno storico sui binari dell’Alta Irpinia.

Prima della partenza, alle 15, due lezioni della Libera Università per Ripetenti: “Restare … selvaggi. Memorie, esperienze e narrazioni della Restanza” con la partecipazione di Vito Teti e l’intervento dell’associazione “Voglio Restare in Irpinia” e “Salvaggi dentro salvaggi fuori”, laboratorio creativo sulle esperienze individuali utilizzando la tecnica della drammatizzazione a cura di Andrea Calvi e Luca Ortolan.

Per tutto il pomeriggio piazzale Giolitti a Calitri ospiterà invece Selvaggina, rassegna di giovani autori curata da Virginio Tenore. Il programma prevede Mr. Milk in “Tatuaggi selvaggi musicati”, la voce narrante di Marisa Barile e la musica dei Barabba Blues in “La rivolta delle pecore – Storie libertarie di animali rivoluzionari”, la performance paranoica teatral- musicale di Luigi Capone in “Allegri che tra poco si muore”, i Friestk in “A brani a brani: animus ferus” e il live di Davide Pescetelli, vincitore del premio M. Fiori per il concorso “Cantautore selvaggio” realizzato in collaborazione con il Guccini fan club.

Verso sera, sempre a Piazzale Giolitti, torna per il secondo anno consecutivo, stavolta in veste di musicista, Massimo Zamboni, chitarrista e co-fondatore dei CCCP – fedeli alla linea prima e dei CSI dopo, oltre che scrittore. “Tifiamo Rivolta” sarà un viaggio – in compagnia di amici di vecchia data come Erik Montanari, Cristiano Roversi, Gigi Cavalli Cocchi e soprattutto dell’impareggiabile Artista del Popolo Danilo Fatur – nel presente e nel passato dell’artista emiliano, reduce dal successo del progetto di teatro musicale I Soviet + l’Elettricità e dell’omonimo album appena uscito. In scaletta, il repertorio dei CCCP, dei CSI insieme ai brani della carriera da solista di Zamboni.

La sera ci si sposta tra le rovine di Torre di Nanno, a Calitri, per la rappresentazione “Salvataggi – Gangalon, La Società Selvaggia” a cura della Compagnia teatrale Clan H e scritta e diretta da Salvatore Mazza

Dopo cena il Sentiero della Cupa ospita Wild Sicily, di cui sarà protagonista Alfio Antico in un progetto che unisce arcaicità a psichedelia insieme a Giuseppe Milici e Francesco Buzzurro.

Si aprono poi le danze al Ballodromo di Piazzale Giolitti Wild Hirpos, sponzamento di quadriglie irpine. E ancora le carnascalerie della Scuola di Tarantella Montemaranese e la celeberrima tarantella a batticulo di Tonuccio Bi-Folk.

Le grotte e i vicoli labirintici di Calitri si animano poi per tutta la notte con i Voltaggi Selvaggi di musica elettronica a cura di Angelo Martin Maffucci e con In The Grotto: performance musicali, teatrali, cumvesrazioni e mangiate con Alfio Antico, A Hawk And A Hacksaw, Peppe Leone, Chinchineros, Mikey Kenney, Mapuche Marcello Fonte, Fabio Genovesi narratore libero e tanti altri.

Prosegue anche SponzArti, la sezione del festival dedicata ai linguaggi dell’arte ideata e curata da Mariangela Capossela dal titolo “Selvaggio io o selvaggio tu?”. Un percorso multidisciplinare (scienze umane, teatro, opere d’arte pubblica) teso a riflettere sui concetti di confronto, alterità, egemonia, questione meridionale, rapporto fra colonialismo e capitalismo. Oltre alla proiezione a ciclo continuo di The couple in the cage, video del 1993 che documenta un’opera d’arte performativa degli artisti Coco Fusco (Cuba-Usa) e Guillermo Gomez-Peña (Messico-Usa), prende forma anche il progetto di arte partecipativa “Artiamoci e Sponziamo”, ideato da Mariangela Capossela e patrocinato dal Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR), in partenariato con l’associazione Irpinia 2000 Onlus, in collaborazione con gli ospiti dei Centri di accoglienza di Conza della Campania, Sant’Angelo dei Lombardi, Bisaccia e Sant’Andrea di Conza e col contributo di Tommaso Evangelista e Sabrina Pecci. I ragazzi, selezionati attraverso un bando, sono guidati in quattro diverse declinazioni di opera collettiva: Passa-porti a cura di Ilaria Demonti, il progetto fotografico Radici a cura di Francesca Zagni, Be Human a cura di Mr. Thoms e l’opera di land art lungo la strada per Bisaccia Damiera a cura di Livia Paola Di Chiara.

Grazie a SponzArti riapre anche il Cinema Rossini di Calitri: verranno proiettati “Tracks – Attraverso il deserto” di John Curran alle ore 12, “Nausicaa della valle del vento” di Hayao Miyazaki alle 15 per la rassegna di film d’animazione Anima Selvaggia e il cortometraggio “Tradimenti e magie” di Raffaele Schettino e “Dersu Uzala – Il piccolo uomo delle grandi pianure” di Akira Kurosawa alle 23.59. Aperta anche la Libreria Popolare Sacri Libri in Libretà, nella splendida Chiesa dell’Annunziata di Calitri.

La maggior parte delle attività dello Sponz Fest 2018 sono gratuite. Per alcuni eventi è previsto un ingresso a pagamento mentre per partecipare ad altre attività sarà necessario iscriversi in anticipo.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA DEL 24 AGOSTO

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA GENERALE

SCARICA LA FOTO

SCARICA LA CARTELLA STAMPA

SCARICA LE FOTO DEL FESTIVAL DAY BY DAY

SCARICA IL VIDEO DI LORENZO FODARELLA DEL SECONDO GIORNO

VENERDÌ 24 AGOSTO

(CALITRI – CAIRANO)

Mattina
Piazzale Giolitti e Parco Madonnelle
Laboratori e giochi selvaggi per grandi e piccini non addomesticati
Laboratori comunità Mapuche

Mezzogiorno
Ore 12.00 – Cairano – Centro storico 

Pranzo e a seguire

DIALOGO  TRA “IL PAESE DEI COPPOLONI” E “IL MARE DOVE NON SI TOCCA”

CON VINICIO CAPOSSELA E FABIO GENOVESI

a seguire
Cerimonia Mapuche sulla 
rupe dei siensi

SPONZ FEST EXPRESS

Riparte il treno storico “Avellino-Rocchetta” sui binari dell’Alta Irpinia. (Info e biglietti su www.fondazionefs.it)

Ore 15.00 – Stazione Cairano
Libera Università per Ripetenti – Corso di controaddomesticamento
“Restare … selvaggi. Memorie, esperienze e narrazioni della Restanza” con  la partecipazione di 
Vito Teti.
Intervento dell’associazione “
Voglio Restare in Irpinia“.
A seguire  “Salvaggi dentro salvaggi fuori”, laboratorio creativo sulle esperienze individuali utilizzando la tecnica della drammatizzazione a cura di 
Andrea Calvi e Luca Ortolan.

Ore 16.30 – Partenza del treno

Tardo Pomeriggio

Piazzale Giolitti – Calitri
Ore 15.00 Raduno / 15.30 Inizio performance

SELVAGGINA

Rassegna di giovani autori a cura di Virginio Tenore
Luigi Capone in “Allegri che tra poco si muore”
Marisa Barile e Barabba Blues in “La rivolta delle pecore”
I Friestk in “animus ferus”
Mr. Milk in “tatuaggi”
Cantautore selvaggio” in collaborazione con il Guccini fan club_premio M. Fior:
Davide Pescetelli

ore 19,30 –  Piazzale Giolitti – Calitri

TIFIAMO RIVOLTA

Con MASSIMO ZAMBONI e la straordinaria partecipazione del selvaggio del popolo FATUR
Massimo Zamboni (voce, chitarra acustica e elettrica), Cristiano Roversi (basso e tastiera), Erik Montanari (chitarra elettrica), Gigi Cavalli Cocchi (batteria), Danilo Fatur alle performances “bestiali”

Sera
Calitri – rovine di Torre di Nanno – ore 21.00

SALVATAGGI-GANGALON, LA SOCIETÀ SELVAGGIA

a cura della Compagnia teatrale Clan H
Rappresentazione scritta e diretta da 
SALVATORE MAZZA

Sera dopo cena

Sentiero della Cupa – Calitri
WILD SICILY

ALFIO ANTICO accompagnato da Giuseppe Milici e Francesco Buzzurro

BALLODROMO – Piazzale Giolitti  – Calitri

WILD HIRPOS

Quatriglie irpine

SCUOLA DI TARANTELLA MONTEMARANESE – carnascialerie

TONUCCIO BI-FOLK – tarantella a batticulo

Notte – Calitri

VOLTAGGI SELVAGGI

Musica elettronica a cura di Angelo Martin Maffucci
Secret Location

In the Grotto
Dalle ore 22.00 il labirinto dei vicoli e delle grotte del centro storico di Calitri ospiterà performance musicali, teatrali, cumvesrazioni e mangiate con 
ALFIO ANTICO, A HAWK AND A HACKSAW, PEPPE LEONE, CHINCHINEROS, MIKEY KENNEY, MAPUCHE, MARCELLO FONTE, FABIO GENOVESI narratore libero e altri