Ripartono le iniziative di Apple Pie, dal contest di cucina alla riflessione sui diritti

0
45

Prosegue l’impegno di Apple Pie, associazione avellinese impegnata in difesa dei diritti lgbt e contro ogni forma di discriminazione. L’associazione cittadina, guidata da Antonio De Padova e Mara Festa, chiama a raccolta la comunità. L’occasione è offerta dal contest “Be the Apple to my Pie”, in programma il 30 agosto al Tuke Pub. Per partecipare basterà preparare una torta di mele. La torta più bella e più buona vincerà una tessera per essere soci Apple Pie e simpatici gadget. Si tratta del primo di una serie di appuntamenti per confrontarsi e incontrare la comunità. “Da quella domenica 18 giugno 2017, dal nostro primo incontro, – spiega Antonio De Padova – è passato un anno. Apple Pie era un piccolo seme. L’abbiamo curato, l’abbiamo innaffiato e amato e, così, è diventato una pianta. Abbiamo raggiunto traguardi importanti in questo anno, incontri, testimonianze, abbiamo condiviso emozioni intense. Abbiamo fatto la storia nella nostra città con la marcia del 17 maggio. Apple Pie è un coniglio che rappresenta tutti coloro che hanno il coraggio di seguire la propria inclinazione e di andare controcorrente.  Seduto in un orto di carote, preferisce correre in cucina a rubare torte di mele. Infatti, non tutti i conigli mangiano carote…
E solo perché una cosa è più comune di un’altra, non vuol dire che rappresenti la “normalità”.
Le differenze sono fondamentali ed è solo conoscendole che si può imparare a comprendere il mondo che ci circonda. Apple Pie: l’amore merita LGBT fa proprio questo, cerca di diffondere la cultura del rispetto in un clima di convivialità e serenità dove non vi è un protagonista assoluto, ma tutti sono protagonisti della vita”