Legambiente presenta dati percezione qualità raccolta differenziata in 13 località balneari

0
36

Il 57% dei villeggianti intervistati ha frequentato uno stabilimento balneare/ spiaggia attrezzata dove si pratica la raccolta differenziata di carta, plastica, vetro e frazione organica. Ancora troppa plastica nei nei punti ristoro o bar presenti sulle spiagge dove non si usano stoviglie in plastica usa e getta: ben 7 villeggianti su 10 nei bar o punti ristoro frequentati hanno risposto che le stoviglie utilizzate non sono in materiale compostabile. Legambiente presenta i risultati di un questionario sulla percezione della qualità della raccolta differenziata in vacanza distribuito su 13 località balneari campane. Al questionario hanno risposto oltre 1000 villeggianti che nel mese di agosto hanno frequentato le località di Agropoli, Acciaroli, Castellabate, Palinuro, Camerota e Pisciotta e Scario nel Cilento, di Bacoli,Castellammare di Stabia, Torre Annunziata in provincia di Napoli e Vietri sul Mare, Battipaglia, Salerno. Inoltre il 69% degli intervistati ha risposto che nelle vicinaze di spiagge, stabilimenti balneari non sono presenti fontanelle o punti di acqua potabile per riempire borracce o bottiglie gratuitamente. Una assenza che incentiva acquisto e utilizzo di bottigliette o bicchieri di plastica

Si è chiusa dopo due mesi di viaggio la XIII edizione di Riciclaestate, la campagna che porta il tema della raccolta differenziata anche in vacanza, promossa da Legambiente Campania con il contributo di Conai, Consorzio Nazionale Imballaggi. Riciclaestate ha rappresentato  un’occasione per rendere partecipi i cittadini e i turisti dell’importanza dei comportamenti virtuosi sulla raccolta differenziata, promuovendo e facilitando la realizzazione di un’economia circolare made in Campania, attraverso l’avvio a riciclo e il riutilizzo dei rifiuti di imballaggio, il risparmio di materie prime vergini, e l’aumento dei livelli quantitativi e qualitativi della raccolta differenziata. “Il viaggio itinerante di Riciclaestate – ha commentato Alfredo Napoli, responsabile campagne Legambiente Campania- ha toccato le principali località turistiche e i Comuni delle aree interne con l’allestimento di un punto informativo presso gli stabilimenti balneari, nei tratti di spiaggia libera, nelle piazze e all’interno dei principali eventi estivi organizzati dai Comuni aderenti alla campagna. Attraverso la compilazione del questionario abbiamo voluto rendere protagonisti i cittadini e i turisti per avere una percezione della qualità della raccolta differenziata nella località scelta per la villeggiatura. La buona qualità di servizi di raccolta differenziata presso molti stabilimenti- conclude Napoli di Legambiente Campania- rappresentano esempi concreti di  buone pratiche che fanno ben sperare, una luce all’interno  di una estate, quella trascorsa , che tra incendi, sistema al collasso, impianti saturi e rifiuti per strada ha messo in evidenza, ancora una volta , la fragilità del ciclo integrato dei rifiuti in Campania.