Il vescovo Aiello in ricordo delle vittime del sisma: la fede non abbia paura del Golgota

0
402

Una gremita chiesa di San Ciro ha ospitato il vescovo Aiello che,invitato da Padre Luciano Gubitosa e da ” I cittadini in movimento” ha ricordato le vittime del terremoto del 23 novembre.Il vescovo apprezza l’ iniziativa invitando la comunità” a ” ricordare” ossia riportare al cuore eventi traumatici che dobbiamo sempre sentire attuali.Con la sicurezza teologica di sempre Mons Aiello rassicura i fedeli,senza trascurare riferimenti letterari e biblici importanti.” La nostra fede – non deve aver paura del disonor del Golgota e non dobbiamo assolutamente negare l’ esistenza di un Dio che si nasconde tra la macerie per trionfare nei cieli.”.La commemorazione,aperta da un brano che ha riportato quei 90 secondi che hanno cambiato la storia dell’Irpinia è stata caratterizzata dalla lettura di preghiere,curate per i cittadini in movimento,tra gli altri da Mariaassunta Damiano e Mara Argenziano.Prima della benedizione del Vescovo,l’ avvocato Passaro ha ringraziato il Vescovo per la sensibilità dimostrata.Aiello ringrazia per l’ impegno mentre don Luciano gli fa eco,invitando tutti ad essere cittadini liberi,con la forza dei Sacramenti.Sul sagrato della chiesa restano accese fiaccole per ricordare i tremila defunti e pannelli fotografici restano affissi per ricordare un evento che,come ha ricordato Aiello,ha generato onde sismiche ma anche di amore e solidarietà. La celebrazione è stata anche l’ occasione per ricordare i diritti calpestati di donne e minori. “Insieme con il vescovo – chiosa Passaro- stiamo pensando ad una cassetta postale dinanzi alla Diocesi dove donne in difficoltà potranno lasciare la loro richiesta di aiuto, così come lasceremo che i bimbi di Irpinia,con il patrocinio del Provveditorato agli studi,raccontino e dipingano i sogni della loro infanzia, aspettando l’ Epifania!”

(Pellegrino Caruso)