Decreto sicurezza, scontro fra PD e Lega

0
779

«La stragrande maggioranza dei sindaci delle grandi città non sta cercando di violare le leggi ma sta ponendo una questione: il “Decreto Sicurezza” creerà più problemi ai cittadini italiani perché non garantirà maggiore sicurezza. Siamo, quindi, di fronte a dei sindaci – rappresentanti del popolo, eletti dai cittadini – che pongono dei problemi e la risposta del Governo non è sui problemi ma è di attacco ai sindaci che hanno posto le questioni. Questo è sbagliato e non porta a risolvere i problemi evidenziati». Lo ha detto il senatore Franco Mirabelli, Vicepresidente del Gruppo PD al Senato, intervenendo a SkyTg24.

«L’applicazione delle norme contenute nel “Decreto Sicurezza” creerà maggiore insicurezza – ha spiegato Mirabelli – perché cittadini che oggi sono in possesso di permesso di soggiorno o sono legalmente in Italia in attesa di vedere evase le proprie pratiche non potranno più avere la residenza, non potranno mandare i propri figli a scuola e non potranno lavorare. Questi sono i principi che vengono messi in discussione. Il tema è, quindi, che si getta nell’illegalità una parte di persone che sono arrivate in Italia già da tempo. Questo può comportare problemi seri dal punto di vista umanitario ma anche sul versante della sicurezza delle città perché più si ampliano le sacche di irregolarità e dell’illegalità più gli italiani saranno insicuri».