Al via 42esima Fiera Campionaria di Venticano, oggi la seconda giornata

0
941

Venticano- Parterre de roi e folla delle grandi occasioni per il taglio del nastro della 42esima Fiera Campionaria di Venticano. Lo chef contadino Peppe Zullo e Rosetta D’Amelio hanno inaugurato la celebre kermesse irpina. Complice anche il bel tempo la manifestazione ha già totalizzato un boom di visitatori nella prima giornata, quella inaugurale. L’evento andrà avanti fino a lunedì 29 aprile. Costo del biglietto: tre euro. Nei giorni 25, 27 e 28 aprile l’orario sarà continuato. Un apposito ed efficiente servizio navetta consentirà ai visitatori gli spostamenti dall’area industriale di Venticano a quella fieristica per scongiurare ingorghi veicolari attorno al quartiere di via del foro.

Dopo il corteo tradizionale accompagnato dagli sbandieratori di Cava la cerimonia è proseguita all’interno del Quartiere fieristico con un convegno che ha ricordato la figura del fondatore, Achille Grelle, scomparso qualche mese fa, e l’installazione di una targa all’ingresso dell’area. A seguire gli interventi istituzionali dei numerosi ospiti presenti all’evento, quello che da oltre quattro decenni è diventato un appuntamento fisso per il Medio Calore ma soprattutto per il centro-sud.

Non a caso gli organizzatori della Pro Loco venticanese, presieduta da otto anni da Luigi Villani, hanno scelto come testimonial di questa edizione il famoso chef contadino Peppe Zullo, portavoce e divulgatore di una filosofia del mangiare sano e naturale. Zullo, grande sostenitore della filiera corta, ha ribadito il suo credo. “Cibo semplice per gente intelligente- ha esclamato lo chef di Orsara di Puglia durante il suo intervento inaugurale della Campionaria-. Si riparta dalla terra e dai suoi prodotti migliori. L’Irpinia in questo fa scuola, e vanta una biodiversità unica e invidiabile. Voi irpini siete fortunati: avete tante risorse naturali, e poi siete creativi e laboriosi”. In prima fila ci sono: i sindaci del comprensorio, la Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Rosetta D’Amelio, l’onorevole pentastellato Michele Gubitosa, il questore Michele Maria Spina, dirigente del Compartimento Polfer della Campania, Franco Di Cecilia, consigliere provinciale, Sabino Morano, segretario provinciale della Lega, Giuseppe Silvestri, presidente dell’Unpli, Gaetano Pascale, consigliere nazionale Slow Food. Il sindaco di Venticano, Luigi De Nisco, ha ribadito la necessità di sostenere l’evento riconosciuto a livello nazionale. “La fiera nata per scommessa è una realtà che deve crescere e progredire- ha detto De Nisco-. Invito pertanto i nostri rappresentanti politici regionali e nazionali a farsi carico della richiesta venticanese di valorizzare quest’area che ha grosse potenzialità attrattive essendo baricentrica e strategica, a pochi chilometri dal casello autostradale di Benevento”. Stesso appello, stessa richiesta arrivano dal giovane e instancabile presidente della Pro Loco, Luigi Villani, che per questa edizione ha puntato tutto sui sapori del medio Calore e quindi sulla territorialità. “La Campionaria è vetrina del territorio- ha esclamato il presidente Luigi Villani- per questo chiediamo anche alle aziende locali di credere nel lavoro di promozione che da 42 anni portiamo avanti con passione e convinzione. Ringrazio sempre il main sponsor Rubicondo porte e finestre, e gli sponsor: Bcc di Flumeri, Cefalo Bibite e Di.Sa. che credono in noi e in questa opera di valorizzazione dell’Irpinia intera. La Fiera di Venticano nasce qui ma è un evento non più locale ma di ampio respiro”.  La Campionaria diventa anche occasione di riflessione sulle tematiche territoriali come quella dei cantieri della viabilità. “Le aree interne hanno un patrimonio naturale invidiabile- ha detto la Presidente Rosetta D’Amelio- ma hanno ancora carenze in termini di viabilità e infrastrutture. Come Regione Campania ci siamo attivati ancora una volta per favorire lo sblocco dei cantieri più importanti come quello della Lioni-Grottaminarda e quello dell’Alta Capacità, opere senza dubbio fondamentali per lo sviluppo dell’entroterra e per stoppare l’isolamento di aree che meritano di essere conoscite e apprezzate”. Tra le novità di quest’anno: il salone dei sapori del Medio Calore con gli show cooking a tema a cura dello chef Luigi Vitiello e lo stand della Polfer di Napoli diretta da Michele Maria Spina che illustrerà ai visitatori il lavoro quotidiano svolto dal personale nelle stazioni regionali in favore della sicurezza dell’utenza e sui treni con l’apposito servizio scorte. Interessante poi il ciclo di convegni sulle tipicità locali e la sicurezza alimentare che si terranno nei prossimi giorni unitamente alla dimostrazione della Polfer di Napoli per le scolaresche con il progetto ‘Train to be cool’ in programma lunedì 29 aprile alle ore 10.30 nella sala convegni del quartiere fieristico.