Silvia Romano: “No alla dell’ufficio del giudice di pace di Montoro”

0
761

“La scorsa settimana, accompagnata dalla deputata del Movimento 5 Stelle Maria Pallini, sono stata ricevuta dal presidente del tribunale di Avellino, dr. Vincenzo Beatrice, al fine di rappresentargli la situazione dell’ufficio del giudice di pace di Montoro”, così in una nota la candidata a sindaco di Montoro per il M5S, Silvia Romano.

“Questo ufficio – continua l’aspirante fascia tricolore – rischia la chiusura in quanto uno dei due dipendenti è andato in pensione. Competenti alla nomina di personale da impiegare presso tale organo giudiziario sono i sindaci dei due Comuni del cui circondario è competente il giudice di pace, ossia Montoro e Solofra. Nel corso del colloquio col presidente Beatrice abbiamo appreso che nessuno dei due sindaci, nonostante un suo sollecito, ad oggi ha dato riscontro positivo. Il dr. Beatrice ci ha garantito che avrebbe fatto, come ultimo tentativo, una istanza al presidente della Corte di Appello di Napoli affinchè venisse convocato unitamente ai due sindaci al fine di conoscere le loro definitive decisioni in merito. Un loro riscontro negativo a tale sollecito sarebbe motivo di chiusura dell’ufficio giudiziario. E non possiamo permettercelo”.

“Montoro, nello specifico Torchiati, già sede dell’ex pretura, con la soppressione dell’ufficio del giudice di pace perderebbe un punto di riferimento importante che porta prestigio alla frazione e all’intero paese, oltre ad essere causa di flusso di professionisti sul territorio. Sollecitiamo, quindi, il sindaco uscente ad evitarne la chiusura, attivandosi per individuare un dipendente da dislocare presso l’organo giudiziario” – conclude la candidata a sindaco per il Movimento 5 Stelle, Silvia Romano.