A “Oltre le note” gli Arché Duo e gli Zaubergarten Trio

0
298

Un concerto di musica da camera, quindi destinato ad un complesso limitato di esecutori, ed è quello che è andato in scena venerdì sera 29 aprile ad Acerra, nella meravigliosa cornice del castello. La formazione è stata dal Duo al Trio al Quartetto. Una serata vissuta godendosi una musica che è quasi un concerto per gli intimi, per i presenti, scambiandosi emozioni, sentimenti, un benessere da dividere insieme.Nella Sala dei Conti nel Castello dei Conti di Acerra è andato in   Caturano. Un concerto inaugurale per entrambi le formazioni che si sono esibite in prima assoluta. Ad eseguire le composizioni sono stati i prestigiosi musicisti: Luigi D’Arienzo, al pianoforte, che è anche compositore di colonne sonore per film e per cortometraggi,  organista e direttore della prestigiosa Schola Cantorum presso il santuario della Madonna dell’Arco.  Vladimir Kocaqi violoncellista solista in formazioni da camera e in varie orchestre. Ha registrato più di 50 colonne sonore. Orsola Russo, violista e mezzosoprano in canto lirico, si è esibita in numerosi famosi concerti come solista ed ha collaborato con diverse orchestre. Maria Rosaria Ciriaco, violinista. Ha collaborato con numerose orchestre sinfoniche. Si è esibita in formazioni cameristiche e da solista e per importanti associazioni nazionali.  Il concerto ha avuto inizio con la famosa sonata in mi min. op 38 di Johannes Brahms per pianoforte e violoncello, che Brahms amò dedicare al padre del clavicembalo Jhoann Sebastian Bach. Un intreccio di virtuosismo tra il forte e marcato contrappunto del pianoforte e l’intensa linea melodica del violoncello.  A seguire musiche di Francesco Paolo Tosti, autore della famosa canzone napoletana’’Marechiaro’’, brani di R. Strauss, J. Marx, G. Fauré, G. Braga, L. Dièmer, C. Dancla. Il concerto si è concluso con due eccezionali brani di Gioacchino Rossini, la ‘’Canzonetta Spagnuola ‘’ per mezzosoprano, violino, violoncello e pianoforte e la ‘’Danza’ per violino, viola, violoncello e pianoforte. Gli arrangiamenti di questi due ultimi brani sono stati realizzati dal maestro Luigi D’Arienzo che ha ulteriormente arricchito e reso ancora più piacevoli queste melodie, accentuando il carattere armonioso, melodico e passionale, che si evidenzia nelle opere del Rossini, soprattutto di quelle composte proprio a Napoli. Una sala ricca di persone attente e desiderose di viversi questa magica musica, perché la musica da camera è emozione e magia. A condurre l’evento la prestigiosa Filomena Carrella che era presente non in veste da giornalista, ma da musicista e così ha arricchito ulteriormente il concerto colloquiando con il pubblico su alcune notizie o chicche di ogni brano o della vita del musicista. Una sala gremita di giovani, allievi del Liceo Albertini di Nola, di docenti, di genitori e di tanti amanti della buona musica. Tra gli ospiti la dirigente scolastica del Liceo Albertini Amelia La Rocca, la vice preside Maria Anzisi, il direttore artistico Mauro Caturano, l’assessore alla cultura Nicola De Matteis, il regista teatrale Raffaele Ariola e nonna Lucia Vitiello che nonostante qualche difficoltà nel camminare non si è arresa  ma ha volto ascoltare tutto il concerto. Quando la buona musica è pura magia. Molti di questi brani sono stati scelti dal maestro Luigi D’Arienzo  e sono dotati di una luce di speranza sul domani a chiunque sppia trovare uno sguardo positivo sul mondo e sulla vita. pensando al periodo triste che si è concluso, post covid ed invocando la pace, sperando che quanto prima tutti gli ucraini possano ritornare nelle loro case.Virginia Carrella