Addio Maestro

0
412

L’ho incontrato poche volte quando, girando per il mondo, ero inviato speciale de Il Mattino. In convegni, tavole rotonde, in occasioni tragiche come nei giorni del terremoto dell’80 in Irpinia o alle feste dell’Unità in Emilia Romagna. Eugenio Scalfari è stato un giornalista di razza, dal pensiero alto, dalla riflessione pacata e a tratti anche sferzante. Il fondatore di Repubblica ha attraversato il secolo da narratore attento dei fatti accaduti. C’è lo Scalfari del golpe Borghese quando l’Espresso era un settimanale a forma di lenzuolo. Le sue battaglie per la democrazia nel Paese con Gianpaolo Pansa sono monumenti consegnati alla storia italiana. C’è lo Scalfari editore che rompe il monopolio degli Agnelli e lancia, con un gruppo di talenti della penna, la sfida nel mondo della carta stampata. E poi lo Scalfari politico, suggeritore di formule avanzate e fustigatore della malapolitica. Recentemente Eugenio Scalfari è andato oltre se stesso, ispezionando la sua coscienza e dialogando con la fede ha cercato quel Dio con la spiritualità di un laico desideroso di conoscere l’oltre. Addio Grande Maestro di giornalismo e di umanità.

di Gianni Festa