Al “Cimarosa” torna Interferenze con Torquati e il sound designer Westkemper

0
364

Riprende dopo la pausa estiva l’attività didattica e concertistica del Conservatorio “Domenico Cimarosa”, presieduto da Achille Mottola e diretto da Maria Gabriella Della Sala.

Da oggi e fino a mercoledì 7 settembre si terrà la Masterclass dedicata alla vocalità moderna e contemporanea a cura del M° Monica Benvenuti, cantante lirica, docente presso il Conservatorio di Castelfranco Veneto, specializzata nel repertorio contemporaneo, già solista apprezzata a cui grandi compositori hanno dedicato brani del loro repertorio.

La Masterclass sarà dedicata allo studio e all’approfondimento di brani per voce ed ensemble del repertorio moderno, con particolare riguardo a composizioni di Poulenc, Berio, Dalla Piccola. In programma anche approfondimenti storico/analitici, a cura dei maestri Alessandra Bellino e Gianvincenzo Cresta. I brani in programma saranno poi eseguiti in concerto dai migliori allievi della Masterclass giovedì 15 settembre, nell’ambito del progetto del Laboratorio di Ensemble di Musica Contemporanea, a cura del M° Massimo Testa, coordinatore della Master.

Il 7, 8 e 9 settembre torna al “Cimarosa” la IV edizione di “Interferenze”, con i suoi laboratori di esecuzione e interpretazione della musica elettroacustica.

Il sound designer Hubert Westkemper e il pianista Emanuele Torquati daranno “Spazio al Pianoforte”: il workshop sarà una incredibile avventura alla ricerca di soluzioni creative per la spazializzazione nel repertorio per pianoforte preparato ed elettronica su supporto.

Gli studenti delle Scuole di Musica Elettronica e Tecnico del Suono del Conservatorio progetteranno e realizzeranno, con la guida di Westkemper, un complesso sistema di ripresa microfonica e proiezione nello spazio tridimensionale dell’auditorium “Vincenzo Vitale”, in un gioco di prospettive sonore che solo l’elettronica potrà disegnare.

Il programma del concerto conclusivo di questa edizione, che si terrà venerdì 9 settembre alle ore 20.00, è interamente dedicato al pianoforte e affianca ad opere di Olivier Messiaen, Jonathan Harvey, Peter Ablinger e Giancarlo Cardini, lavori di giovanissimi compositori italiani, come Maurizio Azzan e Simone Corti.

Inoltre, Alba Battista e Gianvincenzo Cresta, ideatori di questo progetto, hanno voluto rafforzare la visione contemporanea di Interferenze, stabilendo una nuova tradizione: per la prima volta, il loro progetto diventa anche committente d’arte. L’opera Bubble della compositrice Daria Scia sarà eseguita in prima assoluta in questa occasione.

«Interferenze consolida la sua presenza nel panorama italiano, dando sempre più spazio ai giovani e proponendosi come finestra sul mondo attuale della musica», hanno dichiarato il presidente Achille Mottola e il direttore Maria Gabriella Della Sala.