Al liceo Colletta torna il Certamen

0
747

Un mese dedicato alla cultura classica, che segna il ritorno del Certamen, diventato negli anni fiore all’occhiello del liceo Colletta. Si comincia il 4 aprile, alle 16,  con la lezione del professore Stefano Amendola dell’Università di Salerno su “Un viaggio sull’assassinio di Agamennone”. Quindi in scena gli allievi del Colletta nel segno di Omero, Eschilo, Yourcenar. Eschilo, Agamennone, La morte di Agamennone. Il 5 aprile appuntamento, alle 15, con il professore Valentino D’Urso del liceo Inbriani di Pomigliano su “ Elementi paesaggistici nella letteratura latina: uomo e natura. Il 12 aprile, alle 16, la professoressa Giovanna Pace dell’Università di Salerno racconterà i “Paesaggi nella tragedia greca”. Seguiranno le letture a cura degli studenti del Liceo Colletta, da “Sofocle, Edipo re: La dea della febbre” a “Edipo a Colono: Colono, una terra impareggiabile” , da “Eschilo, Persiani: Il mare aggiogato” a “Seneca, Phaedra: Ippolito, Natura vs Civiltà”. Il 21 aprile  Vito Limone (Università Vita-Salute San Raffaele di Milano) proporrà una lezione su “Alle origini della natura: creazione o evoluzione?”. Il 21 aprile, alle 15, il professore Valentino D’Urso del Liceo Vittorio Imbriani Pomigliano relazionerà su”Locus horridus e locus amoenus: aspetti di un topos letterario nella produzione in lingua latina”. Il 26 aprile spazio al Certamen Classicum Hirpinum alla sua XIII edizione, che torna quest’anno dopo la pausa imposta dal Covid, vera e propria sfida dedicata agli amanti della lingua e della cultura classica. Il 28 aprile, alle 10, si terrà la cerimonia di premiazione. Introdurrà la dirigente scolastica Prof.ssa Annamaria Labruna. Quindi spazio alle letio magistralis del professore Paolo Esposito (Università di Salerno) e della professoressa Maria Chiara Scappaticcio della Federico II Napoli. Il 28 aprile, alle 16, nella sala blu del Carcere Borbonico “Classici cotro- L’uomo e la natura tra Omero e il futuro prossimo. Primum Ver Hirpinum. Chi getta semi al vento farà fiorire il cielo.” A portare i propri saluti la ds Annamaria Labruna. Quindi il professore Alberto Camerotto (Università Cà Foscari Venezia) relazionerà su “L’errore di Prometeo: gli esseri umani e il significato del fuoco”. Sarà, poi, il professore Angelo Meriani (Università di Salerno) a confrontarsi su “Orfeo, musicista ‘en plein air’. La professoressa Matilde Civitillo (Università della Campania Luigi Vanvitelli) interverrà su “Abitare l’ambiente nell’Egeo protostorico. Produrre, pregare, ricordare”. Il professore Piero Mastroberardino (Università di Foggia) proporrà una lezione “La vite e il vino. Il disegno della natura e l’arte di intraprendere”. Gli studenti del liceo saranno protagonisti con letture e interpretazioni di scene legate alla cultura classica