Albanian Company e Arb Dance, la ricerca di Raid Festival nel segno della danza

0
651

Doppia performance domenica 9 ottobre per Ra.I.D. Festival 2022, la rassegna interregionale di danza contemporanea, realizzata con il sostegno del Comune di Solofra e il riconoscimento del MiC. A Palazzo Ducale Orsini (alle 18) prima Albanian Danza Company in “Sorry, I haven’t rehearsal”, ricerca sperimentale sul tema della prova, come atto finale della curiosità dell’essere, e poi ARB Dance Company in “Divine”, celebrazione della “quel donna” narrata dai versi del canto XXXIII del Paradiso, rivolti alla Vergine. SORRY, I HAVE REHEARSAL La prima azione di Eva con Adam, ci ha resi mortali, ma ha anche aumentato la nostra curiosità di chiedere di più, di sperimentare di più, di provare di più. Specialmente nelle prove di danza è sicuramente una parola chiave che accompagna la vita dei danzatori. Ballerini e artisti provano a sfidare, capricci, sperimentando molestie emotive, creando anche sinergie alternative, per avvicinarsi il più possibile alla loro verità. Cercano di scoprire nuove relazioni con se stessi, il proprio corpo, lo spazio, il partner, la musica, in genere con il mondo che li circonda. Questa prova rende la performance un momento di verità, un esperimento anche umano. La danza è incapace di mentire. Concept e coreografia di Gjergj Prevazi; danzano Semela Skenderasi, Estel Agaj, Mariel Brahimllari DIVINE In scena una pièce di versi in danza, un viaggio al femminile che, attraverso uno studio approfondito della composizione poetica recitata e declinata in passi, farà riflettere sulla condizione femminile, sulla discriminazione e parità di genere, uno degli obiettivi significativi dell’Agenda 2030. In quella “vergine” alla quale Dante si rivolge, la coreografa scorge la “donna” e tutte le figure femminili che, nella Divina Commedia, il sommo poeta ha esaltato. Francesca nell’Inferno, Pia nel Purgatorio, Piccarda nel Paradiso, sono tre figure dietro le quali si nascondono storie quasi sicuramente vere e alle quali Dante si ispira. D’altra parte Dante scelse di scrivere quest’opera proprio per dire di una donna, Beatrice, ciò che nessuno aveva mai detto di alcuna. Le coreografie sono di Roberta De Rosa. INFO UTILI L’appuntamento di domenica è alle 18. Per l’ingresso (gratuito) è obbligatoria la prenotazione. Per ulteriori informazioni info@raidfestivals.com; 338 66 12 660.