All’onnicomprensivo di Lacedonia uno sportello per gli alunni dsa

0
850

Uno sportello a sostegno degli alunni con disturbi specifici dell’apprendimento. E’ l’iniziativa promossa dalla dirigente scolastica Rosa Cassese, alla guida dell’onnicomprensivo di Lacedonia. “Si tratta – spiega la dirigente – di uno strumento prezioso per favorire l’inclusione, reso possibile dalla sinergia con l’associazione nazionale Dislessia che può contare su operator specializzati, da psicologi a logopedisti. Sono i volontari dell’associazione ad affiancare i docenti sia nella individuazione degli alunni dsa, siano essi disgrafici, discalculici o dislessici che nella definizione di un piano didattico personalizzato, redatto sulla base di una certificazione a cura di un’equipe di esperti. Non tutti i docenti possiedono, infatti, un’adeguata formazione tale da poter supportare alunni con disturbi dell’apprendimento e definire strumenti compensativi e dispensativi necessari nell’azione didattica. In questo modo, invece, possono sempre contare su personale specializzato per favorire l’inclusione di questi ragazzi. Al tempo stesso può capitare che molti studenti considerati svogliati o poco partecipi all’attività didattica, fin dai primi anni della primaria, e invece caratterizzati da disturbi dell’apprendimento, non siano immediatamente diagnosticati come dsa, di qui l’importanza di un supporto per orientare le famiglie presso specialisti, nel momento in cui mostrano i primi segnali di questi disturbi. Si tratta di una buona pratica già molto diffusa in altri territori campani e che ho voluto portare qui a Lacedonia. Il numero degli alunni con dsa è in forte crescita e non possiamo permettere che non siano valorizzate al meglio le loro potenzialità. I dati dei numerosi studi condotti ci dicono, infatti, che se si interviene in tempo anche gli alunni con disturbi dell’apprendimento possono completare il percorso di studi ed inserirsi nel mondo del lavoro”