Alta capacità, definito il programma dei ristori. E ora si lavora a coinvolgere i Comuni di Greci e Casalbore

0
377

Valle Ufita. In via di ultimazione, la Regione Campania in pratica li avrebbe già definiti, il programma dei ristori ai Comuni che si incontrano con l’Alta Capacità Napoli-Bari. Mentre a breve si ritroveranno i primi cittadini componenti dei comitati politico e tecnico che, tra l’altro, hanno già stilato un documento da presentare all’attenzione di Luca Cascone, presidente della Commissione Trasporti di Santa Lucia. I sindaci di valle Ufita avrebbero apportato anche alcuni aggiustamenti e non solo confermato quanto già, nelle precedenti riunioni, sottoscritto. I milioni da distribuire sono settanta, divisi tra Ente regionale e Rete Ferroviaria Italiana. Questo per l’Irpinia mentre al Sannio ne toccheranno cinquanta. Sembrano superate le incomprensioni delle altre volte. Anche perché i territori danneggiati, in qualche modo, dai lavori per la costruzione dell’Alta Capacità devono pur avere qualcosa in cambio. Saranno coinvolti anche i Comuni di Greci e Casalbore, che attualmente hanno una rete ferroviaria che dovrà essere dismessa. Ma che, però, ne sono attraversati. La settimana appena cominciata, infatti, sarà oltre che importante anche decisiva su due fronti.” Chiederemo-dice il sindaco di Grottaminarda, Marcantonio Spera, responsabile dell’ufficio tecnico organizzativo del Masterplan(l’altro è Enrico Franza, sindaco di Ariano Irpino, ufficio politico, ndr)-di incontrarci con Rfi per discutere dei criteri di distribuzione dei ristori quindi decideremo, per quanto riguarda il comitato tecnico, la sede più opportuna”.

Giancarlo Vitale