A Verona la Scuola Enologica ‘F.De Sanctis’ di Avellino a Vinitaly

0
259

Appuntamento a Verona con la Scuola Enologica ‘F.De Sanctis’ di Avellino a Vinitaly, la più grande fiera del vino e dei distillati rivolta agli operatori del business sui mercati internazionali. La partecipazione della seconda scuola agraria più antica d’Italia, anche quest’anno, abbraccia collaborazioni e fissa obiettivi determinanti con le istituzioni e importanti nomi del vino. Nuova, invece, è la partnership con la startup irpina Y Avellino, uno dei brand della start up innovativa Y Media Analytica Srl, affiancata al prezioso patrocinio dei comuni di Taurasi, Lapio e Tufo, città irpine emblema del contesto vitivinicolo. Nel Padiglione Enolitech, inoltre, sarà allestito uno stand interamente dedicato alle realtà imprenditoriali e vitivinicole della provincia di Avellino unitamente ad uno spazio dimostrativo sulle macchine innovative, realtà oggi fondamentali nelle aziende dell’agroalimentare di qualità insieme alla figura professionale dell’enotecnico, inserita nel programma di studi della scuola agraria di via Tuoro Cappuccini di Avellino, fondamentale per il monitoraggio del percorso prettamente tecnico dei processi di cantina.

Storia e cultura saranno i centri tematico che saranno presentati dalla Scuola Enologica De Sanctis di Avellino all’interno del contesto fieristico di Vinitaly, vetrina nazionale e internazionale per la presentazione delle produzioni realizzate dagli allievi dell’istituto agrario.
Nella giornata di domenica 14, i rappresentati dell’istituzione scolastica avellinese, presenzieranno allo stand della Rete delle Scuole Enologiche Italiane e prenderanno parte al concorso enologico nazionale, alla presenza di Francesco Lollobrigida, Ministro dell’Agricoltura dell’Italia e Giuseppe Valditara, Ministro dell’Istruzione e del Merito. In questa occasione, saranno consegnate le esclusive bottiglie magnum di Brandy della Scuola Enologica di Avellino e raccontato l’impegno della scuola, partendo dalla scuola e del territorio, da tempo impegnato alla valorizzazione della storia e della viticoltura e l’enologia italiana che parte dalle figure istituzioni di Michele Carlucci, Francesco De Sanctis e dei tanti professori e intellettuali che hanno rappresentato la Scuola Enologica ‘F.De Sanctis’ di Avellino.

Giornata importante anche quella di lunedì 15, presso lo stand del Consorzio Tutela Vini Irpinia padiglione Irpinia-Sannio, dove sarà invece presentato al pubblico l’impianto sperimentale dei vitigni resistenti nell’azienda De Sanctis, insieme al progetto materiale ed immateriale di ricerca Digital Innovation Hub, già promosso dall’Amministrazione Provinciale di Avellino. Il piano di ricerca e innovazione è stato ideato per avviare i processi di ottimizzazione dei processi aziendali per le imprese agroalimentari meridionali, sottolineando il nostro impegno verso l’innovazione e la sostenibilità.

Sulle iniziative dell’agenda Vinitaly, il dirigente scolastico Pietro Caterini, ha dichiarato: “La nostra partecipazione conferma lo stretto legame tra Vinitaly e l’istituto agrario. Siamo orgogliosi di rappresentare anche l’Irpinia nell’ambito di un contesto fieristico così importante. Quest’anno, inoltre, abbiamo anche stretto la collaborazione con Y Avellino, start-up locale che ha saputo guadagnarsi un posto di rilievo sia nel territorio avellinese e saremo presenti con loro nel Padiglione Enolitech. Condividiamo l’impegno nel promuovere e valorizzare le risorse del nostro territorio, in una collaborazione che unisce la tradizione centenaria della nostra istituzione educativa all’innovazione portata da Y Avellino. Avremo anche l’onore di incontrare i Ministri Francesco Lollobrigida e Giuseppe Valditara, i quali saranno omaggiati con il nostro Brandy Avellino in edizione speciale presso un’area espositiva adiacente alle sale auditorium del Vinitaly, insieme alla rete nazionale degli istituti agrari. Rinnovata anche la fiducia con il Consorzio Tutela Vini d’Irpinia, ente presente per la valorizzazione della nostra terra, e saremo presenti nello stand all’interno dell’area espositiva dei vini Irpinia-Sannio, continuando la nostra costante missione di promuovere la storia della Scuola Enologica di Avellino. La nostra presenza si articolerà su più fronti, grazie anche al contributo di alcuni studenti del sesto anno del corso di enotecnico, la cui preparazione è altamente apprezzata e richiesta nel settore vitivinicolo per la loro particolare specializzazione. La nostra scuola è una fucina di talenti che saranno il volto della viticoltura del domani”.