Associazione Edela, una cena di solidarietà per sostenere gli orfani di femminicidio

0
350
Domestic Violence

Una cena di solidaretà per sostenere gli orfani di femminicidio. Riapre nel segno del sociale lo Chateau Lounge a Capriglia Irpina.  La splendida e originale location della famiglia De Vito, immersa nel verde, tra giochi di cascate, mulini e ruscelli, in un’atmosfera magica e fiabesca farà da cornice al party evento ”Chateau et Amor” in programma il prossimo 18 giugno alle 20.30.  Non un’inaugurazione come tante, ma una riapertura che punta dritto al cuore con una finalità chiara e precisa: sostenere gli orfani di femminicidio e le famiglie affidatarie.

L’Associazione Edela, nota realtà a livello nazionale, già lo scorso marzo è stata al centro di una charity dinner che si è svolta nel foyer del Teatro Carlo Gesualdo con oltre 100 ospiti. Questa volta, invece, sono circa 250 gli invitati nell’open space di Capriglia irpina. Una charity dinner in formula standing che vede uniti, nell’intento e negli obiettivi, una cordata di aziende irpine e non solo, professionisti del settore e imprenditori, artisti e istituzioni.

Il welcome della serata sarà affidato al maestro Osvaldo Ardita al pianoforte e fisarmonica e al maestro Salvatore Santaniello al sax. E ancora protagonista sarà  Paolo De Vito attore e chansonier.

A seguire il noto e apprezzato dj Alberto Limone a sostegno della causa trasformerà la location, come di consueto in un evento danzante allegro e brioso. A condurre la serata, calando gli ospiti nel mood, tra divertimento e sociale, sarà il giornalista Pierluigi Melillo, professionista, noto e stimato.

Affidata allo staff di cucina dell’Hotel Cappuccino la cura del menù, preparato grazie al sostegno delle aziende Food Sponsor che  hanno fornito prodotti di eccellenza del territorio campano, consentendo  la realizzazione di un menù d’eccezione a costo zero  a favore di una raccolta fondi interamente destinata a sostegno degli orfani di femminicidio. Wine Sponsor al femminile, con due donne del vino, due volti noti al femminile che scendono in campo nel segno della solidarietà. Tenuta Cavalier Pepe e Terredora, guidate rispettivamente da Milena Pepe e Daniela Mastroberardino, saranno wine sponsor della serata, al fianco dell’Associazione Edela.

“Spesso c’è troppa omertà sulle violenze che subiscono i bambini e le donne in famiglia- dichiara Milena Pepe-. Ci vuole un impegno forte da parte di tutta la comunità a protezione di donne e bambini. Siamo contenti di partecipare a questa iniziativa e di avere l’opportunità di dare il nostro contributo a sostegno di orfani e famiglie affidatarie in difficoltà”.  “Iniziative come queste hanno bisogno di donne e uomini di buona volontà- dichiara Daniela Mastroberardino-. Solo così la vita che deve ricominciare, dopo immani tragedie, può avere un senso, una speranza-.  Beverage sponsor, sempre sensibile ai temi del sociale, è il Gruppo Perrella. Food Sponsor le aziende Grano Armando, De Caro Carni, MFC Food& Beverage, Central Funghi, Centro Irpino Surgelati, Fantasie del Grano, Sapori di Frutta.  Sponsor tecnici Carmela Santella Wedding Planner e Cardelia Communication. Orzelleca, Rossano e Vivere saranno sponsor fornitori di oggetti di pregio al centro di un’estrazione durante la serata.

Dulcis in Fundo il  buffet dei dessert porterà la firma  dei celebri, apprezzati e pluripremiati maestri pasticceri avellinesi  Dolciarte, De Pascale e Cono Rosso pasticcieri del gelato De Pascale.

Il nostro Chateau riapre e lo fa in grande stile– dichiara Marilena De Vito-. Una location estiva  dove si darà il via ad un bellissimo programma di serate in formula garden lounge bar, tra musica e intrattenimento in una cornice tanto bella quanto originale. L’inaugurazione del 18 giugno non è, però, fine a se stessa, ma abbiamo deciso di dedicarla ad una nobile causa, urgente, importante e quanto mai attuale. Abbiamo invitato tutti i nostri ospiti a dare un contributo a sostegno degli orfani di femminicidio, attraverso l’Associazione Edela, che si occupa del fenomeno a livello nazionale”.