Ato, Marotta (Ugl): “Stallo preoccupante, il presidente convochi i sindaci”

0
237

Una situazione sospesa, quella che riguarda l’Ato rifiuti di Avellino, presidente il sindaco di Mercogliano, Vittorio D’Alessio. La denuncia arriva Nunzio Marotta, segretario provinciale dell’ Ugl Igiene Ambientale, quando dice: “A distanza di due mesi l’ATO continua a tacere. Come intende salvare la gestione pubblica? Certamente non stare ad aspettare”.

L’antitrust e i ricorsi hanno impedito all’ATO di assegnare la gestione del servizio a Irpinia Rifiuti Zero. L’ente d’ambito deve trovare un alternativa per la gestione del ciclo integrato. La Provincia è pronta a cedere Irpiniambiente ai Sindaci anche a rate.  Cosa si sta aspettando? Come si vuol procedere?

La decisione sulla gestione dei rifiuti deve essere ponderata attentamente, mantenere la gestione pubblica o privatizzare il ciclo integrale dei rifiuti? Con gara europea. Sappiamo che il tempo è breve e si avvicina sempre di più il commissariamento con relativo bando di gara e alla individuazione obbligata ad un privato, nulla contro il privato ma noi siamo convinti che i servizi essenziali acqua, rifiuti siano gestiti dal pubblico”.

E rivolto a D’Alessio, Marotta incalza: “Quello che non accettiamo è il mancato impegno del Presidente nel convocare l’assemblea dei Sindaci per discutere un nuovo progetto di affidamento ciò è preoccupante,nell’ultimo incontro sindacale del 3 novembre si era impegnato con tutte le parti sociali presenti al tavolo a convocare e coinvolgere l’assemblea dei Sindaci per avviare una consultazione su un nuovo progetto di affidamento del ciclo integrato dei rifiuti,vista impraticabilità della nuova società IRZ.

E’ ingiustificabile il silenzio, l’inerzia dell’ATO e dei Politici locali che non fanno l’interesse della comunità, a salvaguardare il patrimonio aziendale della società provincializzata e delle maestranze in essa presenti. In conclusione, è essenziale che le istituzioni coinvolte agiscano con trasparenza e responsabilità per garantire una gestione efficace e sostenibile dei rifiuti, tutelando al contempo gli interessi della comunità e del personale coinvolto. Nel frattempo… l’ATO si è subito attivato per fare ben 13 nuove assunzioni…. perché?”.