Atripalda, un esempio di alternanza scuola-lavoro funzionante

0
327

L’Irpinia è terra di impareggiabili prodotti agricoli, di tecniche e tradizioni secolari che si tramandano tra generazioni per tutelare ed esaltare sapori e genuinità. E anche la scuola, oggi, fa la sua parte, così come il Liceo Scientifico – Linguistico “Vittorio De Caprariis” di Atripalda, guidato dalla dirigente professoressa Maria Berardino, che nell’anno scolastico 2018-2019 si è distinto per aver realizzato un progetto di alternanza scuola-lavoro denominato “Agricoltura biologica”, in collaborazione con la Coldiretti.

Il progetto, che ha coinvolto le classi IVE e IVF del liceo scientifico, è stato predisposto e realizzato dal tutor interno, la professoressa Maria De Marco, che si è avvalsa anche delle competenze del tutor esterno, il dottor Francesco Del Sorbo dell’Impresa Verde Campania, una società irpina di servizi di Coldiretti, presieduta dal dottor Salvatore Loffreda.

Lezioni teoriche e pratiche si sono susseguite nel corso dell’intero anno scolastico, alle quali hanno vivamente e con interesse partecipato per la classe IVE gli alunni Federica Basciano, Francesco Cella, Domenico Cairo, Francesco De Pasquale, Paolo De Vita, Rosa De Vita, Rebecca Fiorentino, Rosanna Iannaccone, Mattia Landi, Rosanna Landi, Matteo Lauretano, Marco Montesano, Maximiliano Moran, Domenico Nicodemo, Paola Oliva, Antonio Pannuolo, Aldo Piarulli, Raffaele Russo, Francesco Soricelli, Eduardo Tartaglia, Michele Antonio Vena eMarco Zycki, e per la classe IVF hanno partecipato gli studentiMelania Acerra, Gerarda Castiglione, Jasmin Chieffo, Michelangelo D’Alessio, Meriem D’Orsi, Aniello De Benedictis, Sara De Chiara, Gerardo Dell’Apuzzo, Gaia Rosa Feola, Alessandro Forgione, Ludovica Gliatta, Benedetta Lettieri Maria Michela Moccia, Benedetta Palumbo, Anna Ragosa, Orlando Raosa, Federica Tucci eCamilla Venezia.

Il percorso didattico-formativo si è sviluppato seguendo una serie di precise direttrici che si sono concentrate sul potenziamento della conoscenza dell’agricoltura biologica e delle varie normative di tutela in materia. Particolare attenzione è stata riservata all’approfondimento del territorio in considerazione di tutte le sue caratteristiche geomorfologiche, economico-produttive, turistiche e folcloristiche. Gli studenti hanno visitato luoghi di conservazione e di promozione del territorio, oltre a strutture ricettive e produttive. Numerose sono state le partecipazioni degli alunni del liceo atripaldese a iniziative di valorizzazione della dieta mediterranea, con l’analisi del ruolo e dell’importanza della scienza dell’alimentazione anche per compiere scelte consapevoli in ambito nutrizionale. Importanti stage formativi sono stati poi realizzati presso “Il villaggio contadino della Coldiretti” presso il Circo Massimoa Roma, l’aziendavinicola “Il Melograno” di Atripalda e il pastificio “Afeltra” di Gragnano.