Avellino espugna Terni, Capuano festeggia la 600° panchina nei professionisti

0
1022

4 punti in 2 gare per l’Avellino di Ezio Capuano. Al “Liberati” di Terni i biancoverdi ripropongono il 3-5-2 ma devono fare i conti con la defezione di capitan Santiago Morero, mentre torna a disposizione Walter Zullo.

Formazioni disposte praticamente a specchio, ma non mancano le emozioni già nei primi minuti: il tiro Parisi viene murato in area e poi è Marilungo a far prendere un grande spavento alla difesa ospite, con una conclusione deviata che finisce di pochissimo a lato.  La Ternana spinge molto ma i lupi attendono in maniera ordinata. Dopo una mezz’ora a tinte rossoverdi, al 33′ è Gabriel Charpentier a colpire e a segnare di testa dopo una perfetta esecuzione dello schema su palla inattiva da parte del duo Di Paolantonio-Micovschi.

Il match resta incanalato sugli stessi binari per tutto il primo tempo, che si conclude con il sussulto della Ternana: eccellente cross di Parodi per la testa di Marilungo che a colpo sicuro manda fuori di un soffio.

Nella ripresa dopo appena 100” è Palumbo, con un tiro al volo, ad andare vicino alla marcatura: palla a lato.

Gli attacchi dei padroni di casa si fanno sempre più insistenti ed a cavallo della mezz’ora la Ternana diventa pericolosissima con l’ex Paghera e Ferrante, subentrato insieme a Mammarella e Partipilo e Torromino per dare ulteriore peso alla manovra offensiva delle Fere.

E’ proprio Ferrante a sfiorare il pareggio con un gran tiro da poco dentro l’area di rigore; l’ultima emozione è una punizione dal limite di Furlan, ma la partita si conclude con l’1 a 0 per i biancoverdi.

Mister Ezio Capuano festeggia con i 3 punti la panchina numero 600 tra i professionisti. Questo il suo commento: “Siamo riusciti a fare una grande partita contro una grandissima squadra, appena 3 giorni dopo una sfida probante come quella con il Bari. Devo fare un plauso a tutti i ragazzi che hanno saputo sacrificarsi, penso a Charpentier o allo stesso Laezza, stoici. Prima della gara lo avevo detto – ha concluso il mister – sento questa squadra già mia. L’ho voluta fortemente, ed ora me la tengo stretta come si tiene stretto un bambino appena nato”.

Così, invece, Walter Zullo al termine del match: “E’ stata un’ottima risposta, in continuità con quanto fatto vedere domenica contro il Bari. Sapevamo di venire a giocare contro una delle favorite alla vittoria finale, quindi i tre punti qui valgono doppio. I nomi del loro attacco parlano da soli, noi però siamo stati bravi ed anche un pizzico di fortuna ci è venuta incontro. Dopotutto la fortuna aiuta gli audaci, noi abbiamo fatto la partita che ci ha chiesto il mister, aggressivi su tutto il campo, ed alla fine siamo stati ripagati. Ma non montiamoci la testa, ora arriva la Reggina e non ci resta che lavorare, con 4 punti in più che ci fanno assolutamente bene”.

Tabellino

Ternana-Avellino 0-1

Marcatori: 33′ pt Charpentier.

Ternana (4-3-1-2): Tozzo; Parodi (12′ st Mammarella), Russo, Suagher, Celli; Paghera, Palumbo, Salzano (29′ st Partipilo); Furlan; Marilungo (13′ st Ferrante), Vantaggiato (25′ st Torromino).

A disp.: Marcone, Iannarilli, Diakitè, Proietti, Mucciante, Nesta, Niosi, Damian.

All: Gallo.

Avellino (3-5-2): Tonti; Illanes, Zullo, Laezza; Micovschi, De Marco (37′ st Silvestri), Di Paolantonio, Karic (1′ st Rossetti), Parisi; Charpentier, Albadoro (17′ st Alfageme).

A disp.: Pizzella, Abibi, Celjak, Palmisano, Njie, Carbonelli, Evangelista, Petrucci.

All: Capuano.

Arbitro: Gualtieri di Asti.

Assistenti: Dicosta di Novara e Cubicciotti di Nichelino.

Ammoniti: (38′ pt Karic, 9′ st Illanes, 33′ st Palumbo ( gioco scorretto); 33′ st Tonti (comportamento non regolamentare) Angoli 12-3;

Recuperi: 0′ pt, 4′ st.