Avellino- Giugliano, le pagelle

0
364

di Domenico Russo

Ghidotti 6: sul primo gol forse poteva “scendere” un pò prima, ma poi è bravo sul secondo gol quando ferma in un primo momento Giorgione

Cancellotti 5,5: inizia bene con solerzia e aggressività, perde le distanze nella ripresa

Armellino 5: fisicamente perde qualche duello di troppo, con il ritorno di Rigione tornerà nel suo ruolo in mediana

Mulè 5: meno sicuro rispetto a come ci aveva abituato, si fa saltare da Giorgione in occasione del tris

Sgarbi 6,5: è il migliore dei lupi, anche come esterno (non propriamente il suo ruolo). Trova il gol del momentaneo pari

Casarini 5: non trova mai continuità di giocata, preso dalla morsa della mediana ospite

Palmiero 6: qualche errore di troppo è vero, ma è l’unico riferimento lì in mezzo e quando esce si sente la sua mancanza in campo

Varela 5: non si accende mai, non trovando la giocata giusta tra le linee

Ricciardi 6: deve ovviamente sempre rientrare sulla destra, ma si impegna con carattere

Marconi 6: va vicinissimo al gol di testa, in generale è poco servito dalla squadra

Gori 5: un passo indietro rispetto alle ultime prove, sanguinosa la palla persa in occasione del secondo gol ospite

Dall’Oglio 5: non si sente lì in mezzo dal suo ingresso

D’Angelo 5: come Dall’Oglio, non riesce ad incidere a gara in corso

Patierno e Sannipoli sv: entrano ormai a risultato acquisito

Pazienza 5,5: le assenze, numerose ed ormai lunghe soprattutto in difesa e sulle fasce, costringono diversi calciatori a tante gare di fila ed anche fuori ruolo e di conseguenza la squadra non può non risentirne. Brutto ko, contro il Picerno sarà uno scontro diretto.