Avellino, maltrattamenti in famiglia: assolto e scarcerato

0
637

Era stato tratto in arresto con l’accusa di maltrattamenti in famiglia nei confronti della compagna e lesioni personali aggravate perpetrate in danno del figlio della donna, minorenne.

Ma con l’epilogo del processo lampo, celebrato con rito immediato, un 47enne di Avellino, difeso dall’avvocato Angelo Polcaro, è stato assolto dal reato di maltrattamenti in famiglia e immediatamente scarcerato. Dovrà solo prestare lavori di pubblica utilità presso il comune di Avellino per quattro mesi. Questa l’unica pena inflitta all’uomo all’esito del processo, dal tribunale di Avellino, in composizione collegiale- presieduto dal giudice Sonia Matarazzo, a latere Pierpaolo Calabrese e Astianatte De Vincentiis- per il solo reato di lesioni personali, essendo stata esclusa anche la contestata recidiva.

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, la vittima, nel corso della relazione sentimentale con il 47enne, iniziata nel 2018,  sarebbe stata costretta a subire continue vessazioni, umiliazioni, angherie, sfociate in molteplici occasioni in violente aggressioni fisiche che l’avevano costretta a far ricorso più volte alle cure dei sanitari. L’ultimo episodio di violenza lo scorso 22 dicembre, quando l’uomo, in preda ai fumi dell’alcool, si sarebbe accanito fisicamente anche sul figlio 15enne della sua compagna con morsi, calci e pugni, provocandogli lesioni all’addome, alla spalla, alla gamba e al polso, giudicate guaribili in 12 giorni dai sanitari del nosocomio di Avellino. Inoltre il 47enne, pluripregiudicato e già destinatario in passato della misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla compagna, dopo aver aggredito fisicamente e minacciato il minore aveva anche distrutto l’arredo e vari accessori dell’abitazione tra cui un televisore, un giradischi, un iPad ed una Play Station 5 custoditi nella cameretta del ragazzo.

Per bloccare l’uomo, sul posto, intervennero gli agenti della questura di Avellino, che provvidero ad arrestarlo. Dopo la convalida del fermo, l’uomo fu associato alla casa circondariale di Bellizzi Irpino, dove è rimasto sino alla sentenza di primo grado. Provvedimento con il quale i giudici del tribunale di Avellino, in accoglimento della linea difensiva spiegata dall’avvocato Angelo Polcaro, hanno mandato assolto perché il fatto non sussiste, il 47enne, dal reato di maltrattamenti in famiglia.