Avellino si muove per l’inclusione dei ragazzi affetti da autismo

0
714

Alla luce della prima Legge Nazionale sull’Autismo, della prima legge Regionale e del primo vero piano operativo dell’A.S.L. di Avellino risulta utilissima la riflessione che sarà svolta da specialisti nazionali e locali a Montoro presso il complesso monumentale del Corpo di Cisto – borgo – il 17.02. c.m.
L’animus dell’iniziativa è maturato dopo un dialogo con il noto musicista, antropologo e docente presso l’Università Vanvitelli, VALERIO RICCIARDELLI in compagnia del dott. Massimo De Girolamo responsabile “ Sport e Salute” della Presidenza Nazionale US. ACLI.
Obiettivo principale è quello di mettere a confronto differenti esperienze per una scelta terapeutica mirata a favore dei ragazzi autistici attraverso la MUSICA, lo SPORT e il TREATRO.
Tre strumenti di cui la letteratura scientifica ha già più volte sottolineato la validità e l’utilità nella abilitazione delle persone con autismo.
Dopo i saluti istituzionali di Maria Morgante, Direttore Generale A.S.L. Avellino, Girolamo Giaquinto, Assessore provinciale, Mario Bianchino, Sindaco di Montoro, Alfredo Cucciniello, Presidente Regionale US ACLI, sarà aperto un confronto specialistico cui prenderanno parte Pasquale Ruggiero, docente MIUR, Antonio Acerra, Direttore Dipartimento Salute Mentale ASL Avellino, Maria Ricchiuti, politiche sociali campania, Daniela Caserta, psicologa, Amerigo Russo Responsabile REMS, Gianni Alessio, docente ed Angela Ruggieri direttrice di canto.
Le esperienze di laboratori e pratica attiva saranno proposte da Erminia Barbieri, educatrice, Elsa Guerci musicista e musicoterapeuta, Cinzia Vigilante attrice e teatroterapista.
Porteranno il loro contributo i soci-operatori, che svolgono da quattro anni il progetto “Laboratori clinici sull’autismo” della ASL di Avellino.