Canalarte, la magia del Lunapark

0
476

Da 22 anni coltiviamo questo sogno, lo facciamo con spirito di sacrificio e volontà, con l’obiettivo di far rivivere questo borgo, di regalare a Canale e all’Irpinia una festa che celebri il potere dell’immaginazione. Quest’anno il borgo si trasformerà in un vero luna park”. Così Laura Rocco, presidente dell associazione Canalarte e direttore artistico insieme a Franca Filarmonico, spiega l’idea da cui nasce la rassegna, alla sua ventiduesima edizione, di scena dal 19 al 21 luglio, capace di raggiungere negli anni quota trentamila spettatori. Una festa dedicata quest’anno al “Luna Park: il borgo dei folli”, “con artisti, acrobati e clown, pronti a far rivivere il mondo sognato e sognante dei luna park – spiega Rocco – La Baracca dei Buffoni presenterà per la prima volta la Giostra Carosello, una creazione dedicata al sogno e alla fantasia. Spettacolo che trae ispirazione dallo spettacolo viaggiante proprio del teatro elisabettiano. Ritorna anche “Non cambiate Canale” con Carmine Losco, Ottavio Giordano e Luca Preziosi, omaggio all’universo delle radio. Da il sogno di Nulleamai a Hop hop di Romano. E ancora Girovaghi, i ritmi dei Quebradeira band, Uhanema di Vincenzo Romano, Mystic Bells di Lucio Fontana, Diatonica World Sound di Agostino Tordiglione, The Corten, Li Sunaturi, Wet Rags, Sonorasax, i Mandin Kaffo sound, Wonderful doll di ilaria scarano, Marco Maiorino guitar, Circus side show, Circo out. Torna anche l’omaggio all’arte urbana con Carlos Atoche street art. Abbiamo voluto, inoltre, che un murale, curato da Giuseppe Pelosi, fosse dedicato a Vincenzo Parente,” VIncenzo il gelataio…l’uomo uscito dalle favole”, Mushloop da The Voice”. Un viaggio, quello di Canalarte, che si nutre anche quest’anno di una suggestiva scenografia, curata da Antonio Filarmonico, che racconterà il valore della creatività e della follia nell’arte.