Caso Sidigas, accolta dal tribunale l’istanza di Concordato

Nominati due commissari giudiziali Massimo Gargano e Salvatore Varriale. Ora l’azienda ha sessanta giorni per elaborare il piano di rientro dai debiti.

0
690

Sidigas, il tribunale di Avellino ammette l’azienda al concordato e ha nominato due commissari giudiziali Massimo Gargano e Salvatore Varriale. Ora l’azienda ha sessanta giorni per elaborare il piano di rientro dai debiti.  La società dovrà  redarre sotto il controllo del tribunale, un piano di ristrutturazione, evitando così l’aggressione del proprio patrimonio e il conseguente aggravarsi della situazione di crisi. Con il concordato l’azienda potrà compiere non solo gli atti di ordinaria amministrazione ma, previa autorizzazione del Tribunale, anche quelli di straordinaria amministrazione.

Il nuovo custode giudiziario, Lorenzo Palmerini – subentrato dopo la revoca di Francesco Baldassarre avvenuta ad ottobre scorso – ha presentato una proposta alternativa alla richiesta di liquidazione giudiziale, con il deposito di un piano di concordato. Istanza alla quale si è allineato anche l’ex patron Gianandrea De Cesare.

La richiesta di liquidazione era stata proposta ancora una volta dalla Procura  di Avellino dopo le nuove indagini della guardia di finanza.Dopo tre anni la Sidigas non può dirsi ancora al riparo dal fallimento: il volume dei debiti resta alto con 35 milioni di euro da restituire all’Erario mentre la società è rimasta anche a corto di liquidità, a seguito della cessione del ramo commerciale dell’azienda, la Sidigas.com, consegnata alla Iren.