Clima impazzito, Coldiretti: 2017 anno peggiore

0
1354

I violenti nubifragi con grandine fanno salire il conto dei danni all’agricoltura stremata dalla siccità in una pazza estate 2017 che conferma la tendenza ai cambiamenti climaticiconil rincorrersidieventiestremi che hanno provocato in Italia danni alla produzione agricola nazionale, alle strutture e alle infrastrutture per un totale pari a più di 14 miliardi di euro in un decennio. E’quantoafferma la Coldiretti,sugli effetti dell’ondata di maltempo che ha colpito a macchia dileopardo nel norddella Penisola, nel sottolineare cheil 2017 si conferma essere l’anno peggiore dell’ultimo decennio che è stato segnato da siccità e forti piogge a carattere alluvionale. Lasiccità -precisa laColdiretti -rappresenta l’eventoavverso piùrilevante perl’agricolturaitalianain terminididannieconomici a carico soprattutto delle produzioni, con l’ultima calamità grave, prima di quest’anno, nel 2012, quando ha interessato maggiormente le aree del Nord e del Centro Italia. Per quanto riguarda i violenti nubifragi, – continua la Coldiretti – le aree maggiormente colpitesi trovanonel Nord Italia e nel Sud (Campania, Puglia e Sicilia). La grandine- sostiene la Coldiretti- è la più temuta dagli agricoltori in questa fase stagionale perché provoca danni irreparabili alle coltivazioni facendo perdere un intero anno di lavoro nei campi. Siamo di fronte – precisa la Coldiretti – agli effetti dei cambiamenti climaticiche sistanno manifestando con pesanti conseguenze sull’agricoltura italiana perché si moltiplicano glisfasamentistagionali e gli eventi estremi con precipitazioni brevi,ma intense e il repentino passaggio dal maltempo al sereno.