Come usare il condizionatore in maniera intelligente e non sprecare energia

0
624

In questi giorni assistiamo a temperature piuttosto alte che segnano un record per questa estate. Per far fronte all’afa in molti ricorrono al condizionatore che è in grado di donare un po’ di sollievo all’interno delle quattro mura domestiche. Per usarlo nella maniera corretta però occorre prestare attenzione ad alcuni aspetti che possono contribuire a ridurre gli sprechi energetici e a tagliare i costi in bolletta.

 

Attenzione alla posizione

Il condizionatore va posizionato in un certo modo e non dove capita. Dev’essere sempre messo in alto, proprio perché il caldo tende a salire e il freddo a scendere, quindi in questo modo se ne favorisce il funzionamento. È chiaro che dovrebbe essere installato senza ostacoli nelle immediate vicinanze che potrebbero intralciare il flusso d’aria. Infine, è necessario evitare di esporre il condizionatore alla luce diretta del sole.

 

Impostare la temperatura corretta

Per evitare consumi e malesseri fisici, è importante impostare una temperatura corretta con uno scarto di massimo 5 gradi rispetto alle temperature esterne. In questa maniera si evitano sia gli sbalzi di temperatura eccessivi, dannosi per la nostra salute, sia gli sforzi del motore, che andrebbero ad impattare in modo pesante sul consumo di energia.

 

Sfruttare l’energia green

Per far funzionare il condizionatore senza aumentare i livelli di inquinamento dell’aria, si può sfruttare l’energia proveniente dalle fonti rinnovabili. Coma fare? Se non si hanno dei pannelli solari, è sempre possibile sottoscrivere un contratto con un fornitore come Green Network Energy che ha offerte per la luce 100% verde proveniente da fonti rinnovabili. Così facendo, non solo il condizionatore ma anche tutti gli altri elettrodomestici potranno contare su una fornitura energetica rispettosa dell’ambiente.

 

Chiudere porte e finestre

Mai lasciare aperte le porte e le finestre, quando il condizionatore è in uso. Si tratta di un errore che purtroppo commettono in tanti e che può far alzare sensibilmente gli sprechi. Chiudere bene le finestre e le porte delle singole stanze aiuta a mantenere la temperatura nei singoli ambienti domestici. Anche una singola finestra aperta può infatti spingere il climatizzatore ad un lavoro estremo, aumentando i consumi di una quota intorno al 35%. Di conseguenza, fate attenzione a non commettere mai questo errore.

 

Scegliere un condizionatore efficiente

Per abbattere i consumi energetici, infine, si consiglia di sostituire il vecchio condizionatore con un modello di ultima generazione, dotato di un’etichetta energetica alta. La classe A+++ è la migliore in assoluto, ma si suggerisce comunque di partire da una base minima di A+. Rispetto ai climatizzatori non sostenibili, questi elettrodomestici possono portare un risparmio in bolletta intorno al 30%, dunque sono un investimento che si ripaga da solo e in maniera piuttosto veloce.