Comunicare l’innovazione: la grande sfida per il futuro della Campania

0
659
Le due neolaureate Unisob Fabiana Scala ed Alessia Pauciullo alla prima esperienza di lavoro grazie al progetto con il DAC

La presenza in Campania di importanti aziende in settori strategici per lo sviluppo del Paese come l’innovazione, le nuove tecnologie e la green economy è ormai una realtà abbastanza consolidata anche se non sempre presente nella narrazione mediatica mainstream. Che il Mezzogiorno abbia, non da oggi, e non solo su questi temi, dei problemi di comunicazione che si sommano ai suoi problemi strutturali ormai secolari è purtroppo altrettanto consolidato. Proprio per questo l’Università Suor Orsola Benincasa è impegnata da anni, in particolare con il suo Corso di laurea magistrale in Comunicazione pubblica e d’impresa, nel sostenere la comunicazione di istituzioni ed aziende del territorio la cui eccellenza non è sempre nota. In particolare sul tema dell’innovazione ormai da due anni abbiamo avviato una proficua collaborazione con il Distretto aerospaziale della Campania che (a proposito di eccellenze) aggrega dal 2012 ben 145 soggetti, tra cui 23 grandi imprese, 19 tra Centri di Ricerca e Università e 90 PMI. Del resto la comunicazione dell’innovazione è tanto importante quanto l’innovazione stessa. Tanto che si definisce innovatore colui che riesce a tradurre le idee in fatti concreti e chi soprattutto riesce a comunicarle all’esterno. Ecco perché ci ha molto lusingato l’incarico di studiare le potenzialità di innovazione del sito web del DAC e quindi le potenzialità di comunicazione dell’intera ‘squadra’ del Distretto Aerospaziale della Campania. Eugenia Bellomia, Andrea Campili, Adriana Delle Donne, Giovanni Gizzi, Dora Lombardo, Anita Odierna, Alessia Pauciullo e Fabiana Scala sono gli otto studenti del team di lavoro Unisob che, nell’ambito delle attività didattiche del corso di Strategia e comunicazione d’impresa, hanno realizzato un impegnativo lavoro di analisi sul sito web del DAC che in oltre 100 pagine passa in rassegna gli aspetti visuali, la strategia del brand (mission, vision, valori, territorialità), i requisiti tecnici (come usabilità, fruibilità e indicizzazione), i touch-point, i contenuti riguardanti la governance e la struttura, la valorizzazione e comunicazione dei processi di innovazione. Lo studio parte dall’esame del posizionamento del DAC nel sistema economico della Regione Campania, contesto in cui come ha evidenziato il presidente del Distretto, Luigi Carrino, “la filiera produttiva aerospaziale riveste un ruolo di primissimo piano, rappresentando un elemento di sviluppo del territorio sia in termini di presenza industriale, sia per l’elevato contenuto delle conoscenze tecnologiche richieste dai processi produttivi”. Ai grandi operatori del settore si affianca in Campania un tessuto di piccole e medie aziende subfornitrici in grado di utilizzare le tecnologie, implementare i processi produttivi, garantire gli standard tecnici di qualità e di precisione richiesti dall’industria aerospaziale. Nella relazione sul sito web del DAC il nostro team di lavoro ha evidenziato in particolare la possibilità di fare leva sull’eccellenza del distretto aerospaziale, che si collega alla valorizzazione dei processi di comunicazione anche grazie all’introduzione di nuovi canali e modalità di comunicazione. Anche perché la comunicazione dell’innovazione, che ha una valenza costitutiva nel percorso di creazione di valore delle organizzazioni, qualifica e definisce l’essenza di ogni organizzazione. Il “cosa si è”, insomma, dipende dai valori trasmessi e il sito web è il primo mezzo per trasmettere il “cosa si è” non solo all’esterno ma anche a tutti i cosiddetti stakeholder interni. Il progetto di collaborazione tra l’Università Suor Orsola Benincasa ed un distretto d’aziende così ampio ed importante come il DAC è anche un esempio virtuoso di come la formazione on the job dei giovani universitari rappresenti spesso la porta principale per l’ingresso nel mondo del lavoro perché li mette alla prova sul campo sotto gli occhi dei dirigenti e dei manager delle imprese. Al termine del progetto due delle studentesse (Fabiana Scala ed Alessia Pauciullo) del team di lavoro del Suor Orsola, nel frattempo da pochi giorni neo laureate, hanno iniziato un percorso di stage extracurriculare con la Tecno In Geosolutions, una delle più importanti aziende italiane nel settore dei servizi integrati di geologia, ingegneria e osservazione della terra con applicazioni satellitari e aeree, per il loro primo ingresso nel mondo del lavoro. Evidentemente la scommessa di comunicare al meglio l’innovazione è un obiettivo che vogliono giustamente perseguire molte aziende.

 

Alessandra Storlazzi, professore ordinario di Economia e gestione delle imprese e direttore del Placement Office & Career Service dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli