Controlli dei carabinieri, sospesa l’attività di una ditta di ristorazione

L'azienda fornisce pasti alle scuole della provincia di Avellino, ma le irregolarità non riguardano la qualità dei cibi serviti. Il titolare denunciato dai militari del Nucleo ispettorato del lavoro e del Nas di Salerno

0
434

Sospesa l’attività di una ditta di ristorazione specializzata nella fornitura di cibi alle scuole della provincia di Avellino. Denunciato il titolare ed elevate sanzioni e prescrizioni per un totale di 19mila euro. Le irregolarità, per fortuna, non riguardano la qualità dei cibi confezionati, ma le posizioni di lavoro dei dipendenti e le attività di formazione obbligatoria legate alla salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro.

Il controllo a sorpresa è stato eseguito dai carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro di Avellino e del Nas di Salerno.

L’obiettivo principale dell’operazione era contrastare il lavoro sommerso e verificare il rispetto delle normative sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e sulla salute. Per le irregolarità riscontrate, il legale rappresentante dell’azienda è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino. Inoltre uno degli otto lavoratori controllati è risultato non regolarmente assunto.
All’esito delle verifiche, sono state inflitte sanzioni amministrative per oltre 6mila euro e impartite prescrizioni in materia di lavoro riguardanti la mancanza di visite mediche di idoneità, la mancata formazione dei lavoratori e il mancato aggiornamento del Dvr, per un importo complessivo di circa 19mila euro.

L’attività imprenditoriale è stata sospesa per aver impiegato manodopera in “nero”.