Controlli sul territorio, ecco quanto emerso

0
789

Prosegue l’azione dei Carabinieri del Gruppo Forestale di Avellino, costantemente impiegati in servizi di controllo del territorio finalizzati a garantire sicurezza e rispetto della legalità.
In particolare:
– i Carabinieri della Stazione Forestale di Summonte:
 hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino due persone ritenute responsabili di “Introduzione o abbandono di animali nel fondo altrui”, “Pascolo abusivo” e “Danneggiamento”: gli stessi nei comuni di Mercogliano e Summonte, in terreni di proprietà demaniale rientranti nel Parco Regionale del Monte Partenio ed in area SIC (Siti Interesse Comunitario), lasciavano pascolare i loro bovini, in assenza di autorizzazione sanitaria e sindacale dei rispettivi comuni.
Inoltre, i militari operanti accertavano che i circa 100 bovini si muovevano da una località all’altra senza alcun tipo di controllo o custodia: si procedeva pertanto ad elevare ai due soggetti, sanzioni amministrative per la mancata autorizzazione alla transumanza ed assenza dei relativi documenti, per un totale di circa 3.500 euro;
 a seguito dell’attività di controllo inerente alla tutela della fauna, in area boscata di Roccabascerana hanno rinvenuto e sequestrato, due lacci in acciaio con un sistema di nodo a cappio utilizzati per la cattura di cinghiali.
Indagini in corso per l’identificazione dei responsabili;
– i Carabinieri della Stazione Forestale di Mirabella Eclano hanno elevato una sanzione amministrativa di 516,67 euro a carico del titolare di una ditta di Torre le Nocelle per l’errata compilazione del registro di carico e scarico di rifiuti ferrosi;
– i Carabinieri della Stazione Forestale di Monteforte Irpino, a seguito di segnalazione da parte di personale della Comunità Montana “Partenio-Vallo di Lauro”, hanno elevato una sanzione amministrativa di 300 euro a carico del proprietario di un fondo sottoposto a vincolo idrogeologico, dove veniva accertata la presenza di un fabbricato la cui realizzazione aveva comportato uno scavo/movimento di terra non autorizzato;
– i Carabinieri della Stazione Forestale di Lioni, unitamente ai colleghi delle Stazioni Carabinieri di Sant’Andrea di Conza e di Lioni, hanno elevato 5 sanzioni amministrative, per un totale di 1.000 euro, a carico di un uomo che deteneva, all’interno di una recinzione realizzata con pali in legno e rete metallica, 10 cani di cui 5 cani di razza meticcia, non iscritti alla Banca Dati Regionale dell’Anagrafe Canina degli Animali d’Affezione e privi di microchip.